Splendore musicale e solidarietà al concerto di Capodanno dell’associazione Noi per Napoli al teatro Delle Palme

Fiore all’occhiello per una Napoli intellettualmente feconda, il Concerto di Capodanno organizzato dall’associazione Noi per Napoli è giunto alla sua quinta edizione.

Puntuale più che mai nel primo giorno dell’anno, nello storico Teatro Delle Palme di via Vetriera a Chiaia, lo spettacolo è stato fortemente voluto dagli artisti stabili del Teatro San Carlo, la soprano Olga De Maio e il tenore Luca Lupoli.

Olga De Maio e Luca Lupoli e Lucio Lupoli, con Lorenza Licenziati e Giuseppe Giorgio. Foto di Mina Fiore ed Enzo Cinelli

Il programma è stato realizzato con una certosina cura per i dettagli musicali, ed eseguito dai cantanti lirici De Maio e Lupoli, insieme all’altro tenore Lucio Lupoli, con l’accompagnamento della pianista Nataliya Apolenskaja e del Quartetto d’archi Aedon, gli assoli del flautista Andrea Ceccomori e le evoluzioni del corpo di ballo del Centro Tersicorea con le coreografie di Gloria Sigona e Livia Spoto e ancora con la ricchezza dinamica dell’ensemble Noi per Napoli.
Il pubblico ha potuto godere dell’impeto musicale della dinastia degli Strauss del repertorio dei grandi operisti italiani, passando per l’operetta di Lehar e la canzone classica napoletana ed i più famosi brani d’opera di Donizetti, Puccini e Verdi, le arie da Salotto firmate Leoncavallo, la Tarantella di Rossini e le più appassionanti canzoni classiche napoletane.

Presentatrice elegante e raffinata della serata, Lorenza Licenziati è stata accompagnata dagli affabulanti interventi del giornalista Giuseppe Giorgio, pronto a collegare a ogni brano, dati storici, aneddoti e curiosità e dal testimonial d’eccezione Giacomo Rizzo.

Il concerto gode del patrocinio della Presidenza del Consiglio Regionale della Campania, dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli e della Municipalità di Chiaia San Ferdinando.

Lorenza Licenziati e Giuseppe Giorgio; foto di Mina Fiore ed Enzo Cinelli

Uno spettacolo capace anche di diventare un motivo di solidarietà: una parte dell’incasso è stato devoluto alla mensa Caritas dei senzatetto di Santa Chiara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


TOP