Quel rock senza confini che scavalcò la “cortina”

“Ci vedrete alla frontiera, con la macchina bloccata, ma lui ce l’avrà fatta, la musica è passata”: il richiamo al Fossati che fu e alla sua famosa La mia banda suona il rock è forse fin troppo facile parlando del volume di Eugenio Ambrosi, Da Lenin a Lennon. Come jazz, rock, beat&pop contribuirono alla caduta della Cortina di Ferro, delle EUT – Edizioni Università di Trieste. Eppure sembra proprio di assistere alla scena descritta: rigidi controlli, un confine invalicabile per l’uomo, ma poroso e permeabile per quella forma d’arte senza tempo e senza confini che è la musica.

Il ruolo della musica contemporanea

Docente di Comunicazione pubblica all’Università di Trieste e di Relazioni pubbliche e comunicazione aziendale alla Scuola universitaria Ciels di Gorizia, Ambrosi affronta in questo corposo volume un pezzo di storia che spesso, purtroppo, viene dimenticato o, comunque, è stato ancora poco analizzato. Il ruolo della musica, infatti, appare spesso secondario nelle ricostruzioni storiche e sociali: in realtà, proprio come le altre forme di arte, anche quella delle sette note ha avuto la sua capacità di coinvolgere giovani (e meno giovani) verso i grandi cambiamenti della nostra storia.

Sprone al cambiamento, alla ribellione o alla semplice curiosità (aspetto questo spesso malvisto dai regimi totalitari), la musica è riuscita a scavalcare le barriere fisiche per arrivare dritta alle orecchie e al cuore di molto giovani che vivevano oltre la cosiddetta “cortina di ferro”. Ambrosi, grazie a una meticolosa ricostruzione storica, racconta questa epica avventura che, dal primo jazz fino ai beniamini Beatles e Rolling Stones, come una goccia, ha lentamente scavato nella roccia del comunismo più ferreo e oltranzista, chiuso (almeno in apparenza) a tutto ciò che era considerato un male per la morale privata e pubblica (quindi di partito) dei cittadini del blocco sovietico, quindi URSS e paesi satelliti, con un accenno anche a Cuba.

Tra mercati neri dei vinili e messe al bando del rock’n’roll perché “simbolo del decadentismo capitalista, nuovo esempio della barbarie culturale americana”, Eugenio Ambrosi accompagna il lettore alla scoperta di un’epoca (solo apparentemente lontana nel tempo) e di luoghi che rimanevano avvolti nella nebbia angosciosa della propaganda. Tempi e luoghi, però, dove i giovani volevano comunque affacciarsi sul mondo. Erano curiosi di conoscere ciò che l’altra parte poteva offrire loro ed erano bramosi di far parte di quella gioventù a cui era permesso ballare e divertirsi con i vinili beat e rock’n’roll senza dover temere per sé stessi o essere tacciati di collaborazionismo con il nemico. Assolutamente imperdibile l’appendice del volume con le copertine dei vinili e memorabilia dell’epoca.

Da Lenon a Lennon, copertina

 

Articoli correlati:

4ever, i Beatles dopo i Beatles

La storia dei rolling stones con Massimo Bonanno

Rudy Rotta incontra Rolling Stones e Beatles

Rolling Stones dal vivo a Roma

Beat Generation: hipsters vs indie

2 Comments

  1. eugenio ambrosi ha detto:

    grazie per la recensione, sintetica ed azzeccata, anche se non spetta a me dirlo!
    come hai scoperto il libro?

  2. Fabio Dalmasso ha detto:

    Grazie all’efficiente ufficio stampa della Eut che comunica sempre in modo puntuale le nuove uscite. Complimenti ancora per l’ottimo lavoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


TOP