Far East Film Festival 2021, Udine – FEFF23

L’arena esterna al cinema “Visionario” per le proiezioni serali

FEFF23 – Molti pensano sia stato liberato da un laboratorio cinese come maldestro tentativo di conquistare il pianeta; altri che sia stato partorito dal genio di Bill Gates per aprire nuove windows sul mondo; altri ancora che sia una volontà delle lobby dei centri commerciali per cancellare la minacciosa resistenza no-global dei mercatini popolari.

Fatto sta che l’uomo comune ha visto l’annus horribilis 2020 come quello marchiato dalla (necessaria) privazione della libertà e, di conseguenza, dell’annullamento di ogni ordine e grado di possibilità di interazione sociale.

La mia sottospecie – homo communis festivalierii – poi, totalmente dedita alla visione di altri mondi necessariamente irreali per poter vivere al meglio e confermare la banale realtà, s’è vista annullare ogni forma di raccordo con l’evanescente concretezza dell’incontro in sala: relegando anche i festival alla sola fruizione solitaria, si è annullato quel loro carrozzone caleidoscopico, tanto ipertrofico quanto evanescente, eppur impagabile, a corredo delle continue proiezioni.

Sentendoci privati, in alcuni casi, del senso stesso della vita – raccontarsi, raccontando; proiettarsi, guardando – abbiamo pergiunta dovuto murarci in casa, destreggiandoci tra gli infiniti abbonamenti del digitale: solo abbandonandoci ai nostri golosi, quanto inutili, binge drinking ci siamo garantiti la sopravvivenza della nostra bolla-rifugio.

“Ito” di Yokohama Satoko (Giappone, 2021)

E meno male che, in questa forzatura, la spinta digitale è avanzata, costringendo ad allenarci alla nuova interazione informatica: solo così abbiamo potuto comunque godere del lato positivo di un 2020 difficilmente salvabile.

E abbiamo capito che la nuova realtà non può – e non deve – prescindere dalla dimensione on line: anche per i festival, questa è un strada che non sostituisce il piacere dell’immersione cinematografica, ma diventa una carezza contro le distanze, i contrattempi, la maledetta frenesia che ci impedisce, ad esempio, di essere presenti a Udine per la visione del lunedì alle 9 o del martedì alle 23.

Quindi rendiamo grazie ai visionari del CEC di Udine del FEFF23 – Sabrina Baracetti, Thomas Bertacche e tutto il loro gruppo di lavoro, che il dio del cinema li preservi! – per aver combattuto per dare luce (e buio in sala) all’edizione in presenza appena conclusasi, avendo comunque salvaguardato quella parallela su mymovies.it (prassi ormai seguita a ruota da tantissime altre organizzazioni festivaliere).

Per chi non lo sapesse, il FEFF23 è l’annuale festa del cinema asiatico che si svolge a Udine e regala una settimana (di solito a fine aprile) di puro piacere per gli occhi e per il palato in un clima rilassato, spensierato e coloratissimo.

Un’edizione, quella del 2021, traslata a fine giugno e de-localizzata: dai grandi spazi offerti dal Teatro Nuovo “Giovanni da Udine” a quelli più intimi, ma completamente rinnovati e accoglienti, del cinema “Visionario” (con annessa arena esterna per le proiezioni serali).

“The spy gone north” di Yoon Jong-bin (Corea del sud, 2018)

E anche qui, di necessità s’è partorito il capolavoro: dalla proiezione unica degli anni scorsi – che ci costringeva ai salti di pasto, alle nottate agitate con almeno tre sveglie puntate, a rinunciare alla vita (lo scrivo per accontentare la platea di benpensanti, ma non riesco proprio a capire quale sia oltre a quella dei film) – a quella doppia su due giornate, sfruttando anche le due sale cinematografiche dell’altro cinema di casa, il “Centrale”.

A dire tutta la verità, se il clima è stato decisamente troppo hot, non si può dire lo stesso dell’atmosfera generale: vuoi la stagione balneare, più che cittadina, vuoi la mancanza degli ospiti con le loro stravaganze… vuoi o non vuoi, questo è, perché il mood si misura in stati d’animo e non dipende dalla macchina organizzativa che è stata encomiabile sotto tutti i punti di vista, andando ben oltre ogni legittima aspettativa.

Tornando sul fronte delle proposte strettamente cinematografiche i premi assegnati dal pubblico sono stati i seguenti (qui la serata di premiazione con una bellissima introduzione del Presidente FEFF23, Sabrina Baracetti): Gelso d’Oro a Midnight Swan di Uchida Eiji (Giappone); Gelso d’Argento a You’re Not Normal, Either! (Giappone) di Maeda Koji; Gelso di Cristallo e Black Dragon Award a My Missing Valentine di Chen Yu-hsun (Taiwan); Mymovies award a Limbo di Soi Cheang (Hong Kong).

Non mi soffermerò tanto su questi (ho visto solo Limbo che mi è parso lungo e troppo insistito nei suoi facili simbolismi, seppur realizzato con ottima tecnica); mi piacerebbe, invece, segnalare tre film che sono stati poco citati all’interno del trend cinefilo e che ritengo siano, per motivi diversissimi tra loro, assolutamente degni di nota: “Ito” di Yokohama Satoko (Giappone, 2021), “Back to the wharf” di Lì Xiaofeng (China) e, fuori concorso, “The spy gone north” di Yoon Jong-bin (Corea del sud, 2018).

“Back to the wharf” di Lì Xiaofeng (China)

Tre film per le tre cinematografie principali del continente asiatico: The spy gone north è il classico filmone prodotto dalla fantastica CJ Entertainment, curato nei minimi dettagli e con un grandissimo dispiego di energie produttive. La trama – spionaggio e ambiguità politiche a cavallo tra Nord e Sud della Corea – è molto gustosa e saldamente avvicendata grazie a una sceneggiatura scorrevole e mai eccessivamente contorta. Interessante, denso e con un coprotagonista di assoluto livello: il classico film da cui ci si lascia facilmente rapire.

Ito propone ciò che ci si aspetta dal classico film giapponese da FEFF23: atmosfera rarefatta dai ritmi distesi e personaggi stralunati protagonisti di scene sospese tra il fiabesco, il cartoon (pardon, manga) e il nonsense. E lo fa, come i migliori di questa cinematografia, partendo dal dettaglio/momento apparentemente insignificante e arrivando a toccare le corde del sentimento e il senso della vita (ricerca di sé, crescita, …), tra sorrisi e lacrime nella distensione generale del tocco registico.

Back to the wharf è il film esistenziale che non ti aspetti, tra destino e redenzione: la prima mezz’ora ha una potenza – visiva, drammatica – che incolla allo schermo e perfora le viscere. Una discesa agli inferi della vita per colpa di una sfortunata circostanza. Protagonisti dai volti perfettamente calati sui personaggi e attori assolutamente in parte. La compattezza e la densità di questo prologo proseguono lasciando spazio a un affresco che interseca (de)formazione personale e corruzione sociale, usufruendo di ellissi che accelerano la trama e consentono di pennellare un quadro (regia e fotografia lasciano un’impronta notevole) che assorbe completamente la visione e lascia una scia ben definita anche oltre la stessa.

Concludendo: grazie di esistere in tutte le tue forme e in tutti i nostri sogni, caro FEFF23! e appuntamento al prossimo anno, sperando di tornare al “vecchio” con la consapevolezza del “nuovo”!!!

“Back to the wharf” di Lì Xiaofeng (China)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


TOP