Cosa succede in Città: Napoli dal 30 settembre al 6 ottobre

Come ogni settimana, torna Cosa Succede in città. Gli appuntamenti di questa settimana sono con: il Napoli Film Festival, la celebrazione della Bellezza del FAI, la prima mostra d’autunno dello Spazio Kromìa e le aperture gratuite dei Musei.

Napoli Film Festival

Ultimi due giorni della XXI edizione del festival: lunedì 30 Settembre dalle ore 17:00, all’Instituto Cervantes c’è la premiazione dei vincitori delle categorie (in ordine di proiezione): SchermoNapoli Scuola, SchermoNapoli Corti, Videoclip Sessions, SchermoNapoli Doc. L’ingresso è libero.

Napoli Film Festival

Martedì 1 Ottobre, ancora all’Instituto Cervantes Napoli alle ore 18.00 per la sezione Anteprima italiana c’è la proiezione di Trenta fuochi (Trinta lumes, 2017, 88’, in versione originale con sottotitoli in italiano) opera prima della regista spagnola Diana Toucedo, che a seguire incontrerà il pubblico. Ingresso libero
Instituto Cervantes
Via Nazario Sauro 23, Napoli
Info: 081 1956 3311

La bellezza Secondo Me

Mercoledì 3 ottobre alle 17.30 nella seicentesca villa Belvedere di Via Aniello Falcone, si apre la prima edizione de La Bellezza secondo Me, il nuovo progetto organizzato dalla Delegazione FAI di Napoli nato per riscoprire la bellezza nell’arte, nella letteratura, nel teatro, nella musica e nella vita attraverso speciali incontri con i protagonisti dell’arte, negli stessi luoghi dove questa nasce e si crea.

Un calendario di otto appuntamenti, che arriva fino a maggio 2020 (con prenotazione obbligatoria) in cui i maestri delle diverse arti e discipline esprimeranno la loro personale idea di bellezza, descrivendola e raccontandola nelle sue infinite sfumature ed emozioni.

L’esordio è affidato all’artista Sergio Fermariello con l’incontro intitolato Sulla bellezza: la fabbrica del tempo.

RaPortraits allo spazio Kromìa

Venerdì 4 ottobre alle ore 19.00 si inaugura RaPortraits, personale del fotografo Gaetano Massa che riunisce la sua produzione più recente.

L’esposizione a cura di Diana Gianquitto con la direzione artistica di Donatella Saccani, testimonia l’intenso vissuto umano e artistico dei nuovi miti dell’hip hop proponendo una carrellata di ritratti dei suoi protagonisti ed alcune immagini catturate dall’autore in centri di accoglienza per migranti che utilizzano l’attività musicale come strumento di integrazione ed espressione.

Il ricavato della vendita di queste ultime verrà devoluto interamente da Kromìa e l’artista a YouThink – Associazione di mediazione culturale, progettazione e ricerca sociale.

Gaetano Massa – Slymer – Courtesy Kromìa e l’artista

Kromìa è una galleria virtuale, uno spazio espositivo con sede a Napoli ed una piattaforma di vendita on-line per collezionisti, interior designers, architetti ed amanti dell’arte in cerca di stampe fotografiche d’autore.

RaPorttraits
opere di Gaetano Massa
a cura di: Diana Gianquitto
direzione Artistica: Donatella Saccani
4 ottobre – 8 novembre 2019
Kromìa
via Diodato Lioy 11, Napoli
info: 08119569381 – 3315746966 – info@kromia.net
www.kromia.net
Orari di apertura (verificare via telefono): lun/merc/ven 10.30-13.30 e 16.30-19.30 – mar/giov/sab 10.30-13.30

Ingresso gratuito al MANN Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli partecipa alla campagna Ministeriale #IoVadoAlMuseo con l’apertura gratuita la prima domenica del mese da ottobre a marzo.

Quindi domenica 4 ottobre è possibile entrare gratuitamente ed approfittare per vedere o rivedere una delle collezioni epigrafiche più importanti al mondo, che non ha pari per la documentazione delle lingue preromane dell’Italia centro-meridionale ed include anche molte iscrizioni provenienti dai siti vesuviani. Oppure la splendida Collezione Farnese, che è la più importante raccolta rinascimentale italiana di antichità, nonché l’unica integra. Iniziata da papa Paolo III Farnese nella metà del ‘500, arricchita dal nipote (il cardinale Alessandro Farnese) è giunta a Napoli perché Elisabetta, ultima dei Farnese, la lasciò in eredità a suo figlio, Carlo III di Borbone.

Ingresso gratuito al MANN ad ottobre

Riunisce, tra gli altri, i gruppi scultorei colossali del Toro e dell’Ercole Farnese, i Tirannicidi, l’Artemide Efesia, i busti degli imperatori, l’Afrodite Callipige, numerosi ritratti di filosofi e letterati tra cui Omero e Socrate, una straordinaria collezione di Gemme, (più di 1500) che comprende anche la Tazza Farnese, in agata sardonica, la più grande gemma incisa giunta dall’antichità, passata fra le mani dei più illustri collezionisti di tutti i tempi, dai Medici ai Farnese.

Non manca una collezione numismatica, che racconta la storia delle monete dell’Italia meridionale dal VI sec. a.C. all’epoca dei Borbone e le attività economiche della città di Pompei (anche attraverso affreschi, sculture, gioielli e instrumentum scriptorium).
Ed infine la collezione della Villa Dei Papiri, che ospita le straordinarie sculture in bronzo e in marmo che costituivano l’arredo di una villa aristocratica di Ercolano, scavata tra il 1750 e il 1761, in cui fu ritrovata anche una biblioteca di quasi 2000 rotoli di papiro (da cui la villa ha preso il nome).

Museo Archeologico Nazionale di Napoli
Piazza Museo 19
dalle ore 09.00 – 19.30
le operazioni di chiusura iniziano alle 19.00
Info: tel. +39 081 4422 149
www.museoarcheologiconapoli.it

Gli ultimi giorni della Scuola di Posillipo

Chiude il 2 ottobre la grande mostra gratuita La scuola di Posillipo. La luce di Napoli che conquistò il mondo, ospitata nella Cappella Palatina del Maschio Angioino (Castel Nuovo).
Curata da Isabella Valente, l’esposizione è promossa e sostenuta dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, patrocinata dal Dipartimento di Studi Umanistici e organizzata dalla Mediterranea Associazione culturale.

Attraverso circa sessanta opere pittoriche provenienti da raccolte private, la mostra traccia il percorso compiuto dal gruppo di artisti che, riunito a Napoli nel secondo decennio dell’Ottocento prima intorno all’olandese Anton Sminck van Pitloo e poi a Giacinto Gigante, diede un significativo impulso all’evoluzione della pittura, attraverso un genere considerato minore, ovvero il paesaggio.

La scuola di Posillipo. La luce di Napoli che conquistò il mondo
Cappella Palatina in Castel Nuovo (Maschio Angioino)
dal 24 luglio al 2 ottobre 2019, dal lunedì al sabato ore 10.00 – 18.00, domenica ore 10.00 – 13.00
Ingresso libero indipendente dal biglietto del Castello
Visite guidate a cura degli storici dell’arte dello staff della mostra
Informazioni: lascuoladiposillipo@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


TOP