Biografilm Festival 2018: Tea Falco regista di Ceci N’est Pas un Cannolo

 Tea Falco regista di Ceci N’est Pas un Cannolo

Echi magrittiani in Ceci n’est pas un cannolo, debutto nel lungometraggio dell’attrice e fotografa catanese Tea Falco: un docu-film presentato in anteprima al Biografilm Festival di Bologna (nella sezione Biografia Italia) che sarà trasmesso venerdì 29 giugno in prima visione su Sky Arte alle 19.45.

Dedicato al fratello e a Bernardo Bertolucci, che ha diretto l’attrice delle serie tv 1992 e 1993 in Io e Te, Ceci n’est pas un cannolo compone un mosaico di voci e volti di oltre 20 personaggi nati e cresciuti in Sicilia, interrogati da Tea Falco sul senso della loro vita e sulla loro quotidianità. Un piccolo esperimento antropologico sulla diversità dei punti di vista ispirato ai reportage fotografici di Cartier-Bresson, Doisneau e Arbus – «Tutta la mia ricerca artistica viene dalla fotografia», spiega Tea Falco  – a Due o tre cose che so di lei di Godard e alla visione grottesca di CinicoTv di Ciprì e Maresco. Del resto, per l’artista il grottesco appartiene al Dna dell’Isola; «la Sicilia non è ancora una terra globalizzata, possiede una cultura antica, è libera da regole, anche se servirebbero, è autentica».

Emerge il ritratto di una Sicilia lontana dagli stereotipi (quelli della mafia su tutti), dove convergono filosofia, scienza, surrealismo. A raccontarsi, tra gli altri, sono un posteggiatore abusivo, una prostituta trans, un panettiere, due gemelli fisici quantistici (amici di Franco Battiato), un ottantenne catanese che nelle piazze e nei bar è solito fare comizi consigliando i giovani e lo stesso padre di Tea Falco. «Sono stata impegnata in uno scouting di un anno in Sicilia per selezionare le facce che mi interessavano, oltre alle persone che già conoscevo e pensavo di interpellare. I personaggi non recitano, sono liberi di interpretare se stessi, tranne Massimo Puglisi e Grace Longo che incarnano Adamo ed Eva», occupati a discutere sul frutto del peccato, una mela secondo lei, una pera secondo lui. Le riprese hanno interessato tutta l’isola: Acitrezza, Catania, Palermo (Isola delle Femmine), Marsala, Siracusa (Ortigia) e Trapani (la cava di marmo di Custonaci).

Tea Falco (che si è occupata anche dei costumi sotto lo pseudonimo di Dada Falcon), che interpreterà proprio due gemelle in due episodi di Non uccidere 2 (serie Rai con Miriam Leone), ha potuto contare su una crew tecnica di altissimo livello per ottenere un’estetica cinematografica per il docu-film: il montatore di fiducia di Matteo Garrone Marco Spoletini, il direttore della fotografia Fabio CianchettiMartin Hernandez che ha curato il sound design di tutti i film di Alejandro G. Iñárritu (ottenendo una nomination all’Oscar per Birdman). 


Ceci n’est pas un cannolo è prodotto da Isabella Arnaud per Cinedance, coprodotto da Sky Arte Hd, Fulcuriza e Redstring, in collaborazione con RT Studio e Lorenzo Mieli realizzato con il sostegno di Regione Siciliana Assessorato al Turismo Sport e Spettacolo Ufficio speciale per il Cinema e l’Audiovisivo Sicilia Film Commission e il patrocinio di Roma Lazio Film Commission.

Foto di scena di CECI N'EST PAS UN CANNOLO di Tea Falco

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


TOP