Festival Insoliti --> si danza negli appartamenti

Giovanni Bertuccio - 09.12.2014 testo grande testo normale

Commenta questo articolo


Tags: festival insoliti, arte movimento, monica secco, erika di crescenzo

Ridotto nelle sue giornate ma senza perdere la carica visionaria e "insolita" il festival, quest'anno, occupa appartamenti e invade musei. Insoliti dal 6 al 7 dicembre.

Giunta alla dodicesima edizione, il Festival Insoliti - rassegna di danza diretta dalla coreografa Monica Secco e organizzata dall'associazione Artemovimento - torna sabato 6 e domenica 7 dicembre. Ridotto nelle sue giornate ma senza perdere la carica visionaria e "insolita" il festival, quest'anno, occupa appartamenti e invade musei.

Nato nel 2002 il festival INSOLITI - Movimenti d'innovazione della nuova danza internazionale d'autore, finanziato da Regione Piemonte e patrocinato dalla Città di Torino, si focalizza sui giovani coreografi del territorio regionale, non perdendo la sua vocazione internazionale che, grazie alle collaborazioni straniere - Fondation Royaumont, Festival La Bequée, Quinzena de Dança de Almada - ogni anno fa incontrare compagnie e artisti di diverse nazionalità. Scambi dovuti anche grazie alle due reti di cui il festival fa parte: RA.I.D. (Rassegna Interregionale Danza) che comprende Piemonte, Campania, Sardegna, Veneto, Toscana, Lazio Puglia; e la RETE EUROPEA, di cui fa parte insieme a Francia, Portogallo, Grecia. Collaborazioni internazionali che si sommano agli Artisti per casa, giardino e cortile, progetto che favorisce la teatralità diffusa sul territorio.

"Diversamente dagli anni passati, spiega la direttrice Secco, sarà un tranquillo week end dove l'attenzione sarà maggiormente focalizzata sullo scambio, tra pubblico e artista, di messaggi e contenuti simbolici riguardanti aspetti che costellano quotidianamente la vita di tutti, favorendo come sempre lo scambio e il confronto artistico tra le realtà coreografiche piemontesi, emergenti o affermate da tempo, con la scena italiana e quella europea".

Non si era riusciti a capire il senso e lo scopo di (S)figura seduta e (s)dice quando, il 22 giugno all'interno di Natura in Movimento, si era assistito al primo studio di Erika di Crescenzo. Oggi, in uno spazio più consono, con un'atmosfera più raccolta, il senso e la profondità dell'intero progetto emerge prepotente.
Una performance danzata che riflette sull'osceno, non nell'accezione negativa di ripugnante o poco gradevole, ma riprendendo la sua proprietà semantica - come insegnava Bene ricorda l'artista - per cui l'ob sceno si pone fuori dalla scena, "ciò che c'è ma non si vede" insomma. E', questa figura seduta che stra-parla, il no sense di una situazione italiana che - fra mafia, groviglio giudiziario e omertà informativa financo l'umanità che deve, o dovrebbe rimanere, anche di fronte ad un Provenzano o ad un Rina - si sublima attraverso danze baroccheggianti, giochi improbabili e rimedi biologici per uccidere le tarme.

Affascinantissima la coreografia di Marie Coquil, cie Pour un soir, danzata da Rozenne Debreuil.
Non poteva esserci contesto migliore per una danza che parla di assenze. Una donna che torna a casa e sorprende i resti di un amore, i ricordi di un uomo che ha toccato il suo corpo. E danzare vuol dire resistere, così come sentire, toccare gli oggetti che gli appartenevano possono farlo tornare, ancora, solo per un attimo. Una danza della mancanza con una drammaturgia attenta e chiara nella sua comunicazione, in cui le emozioni di nostalgia, rimpianto, desiderio si fanno ansia, rabbia, nervosismo e insofferenza, fin quando, solo indossarne la giacca feticcio, può colmare il vuoto, e l'immedesimazione dare forza e conforto.

C.ia LA BAGARRE
(S)figura seduta e (s)dice.
Di e con Erika Di Crescenzo.

Episodio del progetto in progress La Bagarre – Tentativi Vergini di Oscenità: una ricerca sul tema dell'osceno, CIÒ CHE C'È MA NON SI VEDE. Produzione: C.ia La Bagarre/Centro Daiva Jyoti,
in collaborazione con Stalker Teatro.

C.ia POUR UN SOIR,
Mon Henervé.

Coreografia Marie Coquil.
Con Rozenne Debreuil.

Link Consigliati

Gli ultimi commenti

Dialoghi del silenzio - mostra personale di Pedro Zamora a cura di Massimiliano Bisazza
Città: Milano - Provincia: MI
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

Premio Letterario Nabokov e Premio Nabokov Racconti
Città: Lecce - Provincia: LE
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

“L’ultima Foglia Che Cade” il primo singolo di Federica Morrone
Città: Roma - Provincia: RM
dal: 03-04-2013 al: 01-01-2013

ArtExpo Barcelona 2
Città: Barcellona - Provincia:
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013