Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

Annalisa Cameli - 22.07.2010 testo grande testo normale

Tags: compagnia teatrale la fenice, osimo, teatro la fenice osimo, arena villa vitali

Il grande musical della passione degli anni ’70 torna sulle scene per la prima volta interamente tradotto in italiano dalla Compagnia teatrale La fenice di Osimo. Da vedere.

compagnia teatrale la fenice, osimo, teatro la fenice osimo, arena villa vitali, fermo, teatro dell'aquila, rocky horror picture show, giacomo moresi

Quando si ripropongono delle rivisitazioni c'è sempre il pericolo di realizzare un qualcosa che possa fare flop. Soprattutto quando lo si trasporta dall'americano all'italiano, il rischio è quello di fare una brutta copia e basta.

Non è questo assolutamente il caso di “Non sognarlo, vivilo: Rocky horror il grande show”, portato in scena dalla compagnia osimana Musical Opera Studio per la regia di Giacomo Moresi, attivo da più di 10 anni nella produzione di musical a livello locale., mercoledì 21 luglio nella splendida cornice dell'Arena Villa Vitali di Fermo.

Innanzitutto un plauso agli organizzatori e all'amministrazione, che hanno deciso di portare sulle scene un così contestato musical. Non è da tutti, e questo deve essere un vanto.

Tornando allo spettacolo, ottimo il cast di talenti marchigiani tra musicisti, attori e cantanti: in scena l'orchestra dal vivo ha di certo trasmesso le emozioni teatrali delle grandi opere, così come le bellisisme voci degli attori.

Rivisitato nella costumeria, il cast non ha riproposto alla lettera i vestiti del film originale di Richard O'Brien e Jim Sharman (ad esempio Magenta era rossa e non bionda), riuscendo comunque a mantenere alto il paralelismo.

Ingegnose le scene: pur mantenendo la stessa fondo per tutto lo spettacolo, ovvero la casa dello scienziato travestito Frank-N-Furter, sono riusciti a rendere i cambi di scena con tenda e proiettore (ad esempio per la chiesa o per il castello visto da fuori) e adoperandosi con un'impalcatura scorrevole alla sinistra del palco per proporre di volta in volta la narrazione del criminologo, che riappare diverse volte lungo la trama, in situazioni comicamente osè, come anche il viaggio in macchina di Janet e Brad o la nascita di Rocky Horror.

Che dire poi dell'interazione con e del pubblico: sulle nostre teste sono caduti chicchi di riso durante il matrimonio dei due amici di Janet e Brad (scena inziale) e acqua durante il temporale che coglie di sorpresa i due neo-fidanzati che si stanno recando dal professor Scott.

Durante la serata il pubblico ha potuto interagire anche con lo spettacolo in prima persona, attraverso dei semplici ma efficaci espedienti escogitati dalla compagnia, che hanno permesso non solo di rendere ancor più vivo lo spettacolo, ma anche di goderselo davvero in maniera divertente, gridando ad esempio “Scemo” al nome di Brad o “Shhh” al nome di Eddie. Tutto accuratamente spiegato, ovviamente, nel giornale di scena consegnato a inizio spettacolo.

Che dire… Io, da amante del musical originale –visto non so quante volte, ho riscoperto un altro amore, tutto made in Italy.

Applausi a tempo di Time warp.

Compagnia La fenice
«Il teatro La Nuova Fenice, costruito sul sito del vecchio "La Fenice", fu inaugurato nel settembre del 1894 con l'opera "Carmen". Il suo interno è caratterizzato da artistiche decorazioni ottocentesche. Dopo la seconda guerra mondiale esso è stato prevalentemente utilizzato come cinematografo, poi lasciato in disuso fino ai recenti restauri. E' oggi sede di numerosi spettacoli teatrali e di danza. La nostra compagnia prende in prestito il nome da questo teatro, fulcro artistico della nostra città. La compagnia teatrale La Fenice predilige un approccio classico con il teatro pur rimanendo orientata su un genere di spettacolo allegro e ironico. La commedia brillante e il musical comedy all'americana sono i due rami del nostro filone artistico, senza comunque escludere future produzioni di altro genere teatrale. Oltre alle iniziative teatrali la compagnia organizza stage e manifestazioni artistiche-culturali nelle Marche e su richiesta in altre Regioni».



  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo

  • Rocky Horror: non sognarlo, vivilo


zoomma video

Gli ultimi commenti

Commenta questo articolo

Nome: Annalisa Cameli
Commento: Si, anche io ho sempre paura quando si rifanno in italiano i musical... Sopratutto con Rocky Horror avevo paura perchè è un film che amo. Ma ti assicuro che sono riusciti perfettamente nell'intento, sono stati davvero bravi!


Nome: Giulio
Commento: Sarà...a me i musical rifatti in italiano fanno venire i conati... Non riesco ad immaginarmi A-Touch A-Touch A-Touch me o The Time Warp nella nostra lingua...Gli unici che possono farlo sono Elio e le Storie Tese che ne fecero una sigla di Mai Dire Gol...Palla di pelle di pollo....MITICI :-p


Dialoghi del silenzio - mostra personale di Pedro Zamora a cura di Massimiliano Bisazza
Città: Milano - Provincia: MI
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

Premio Letterario Nabokov e Premio Nabokov Racconti
Città: Lecce - Provincia: LE
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

“L’ultima Foglia Che Cade” il primo singolo di Federica Morrone
Città: Roma - Provincia: RM
dal: 03-04-2013 al: 01-01-2013

ArtExpo Barcelona 2
Città: Barcellona - Provincia:
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013