Ma dove se ne va Mariangela Melato?

Maddalena Peluso - 13.03.2008 testo grande testo normale

Tags: Mariangelo, Melato, Maddalena, Peluso

Si sta diffondendo una pericolosa abitudine: gli attori di un tempo, ricordati per un grande film e con alle spalle al curriculum di tutto rispetto, si sentono in obbligo di "raccontarci" chi sono davvero, cosa fanno quando non calcano le scene, come trascorrono la vita....

Si sta diffondendo una pericolosa abitudine: gli attori di un tempo, ricordati per un grande film e con alle spalle al curriculum di tutto rispetto, si sentono in obbligo di "raccontarci" chi sono davvero, cosa fanno quando non calcano le scene, come trascorrono la vita.
E allora via "la pelle d'attore", nessun testo da interpretare, nessun personaggio da impersonare ma la possibilità di "trascorrere una sera a casa di...". E' il nuovo "avanspettacolo" dedicato ai ceti abbienti e detestato da chi dal teatro si aspetta una "rappresentazione".
Il "one man show" si racconta per due ore accompagnato da efficienti ballerini, paiettes e lustrini, assoli di tromba e luci 2alla Broadway". Nessun testo recitativo da adottare, nessuna compagnia di attori da affiancare. Basta una manciata di battute ammiccanti e qualche riferimento al tempo andato e ai successi passati.
Ad inaugurare la nuova e lucrosa tendenza è stato Fiorello, "one man show" per eccellenza. Da allora, ogni anno, ci prova qualcuno.
Sul palco del Teatro Smeraldo, dal 4 al 9 marzo 2008, è salita Mariangela Melato in "una veste completamente insolita". La grande attrice italiana, aristocratica donna Rachele in "Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto" naufraga con il marinaio comunista Gennarino Carunchio, un fiero Giancarlo Giannini, si presenta con lo spettacolo "Sola me ne vo". La bionda attrice mostra stralci del video del suo passato teatrale, dei grandi ruoli rivestiti e, sottolineando che sul palco si può fare tutto, o quasi, racconta storie, canta e balla come fosse al varietà del sabato sera di RaiUno.
Offre così una carrellata di storie inventate e storie vissute, fa considerazioni personali sul modo di vedere la vita, cita, en passant, testi teatrali di Brecht, Shakespeare, Tennesee Williams. Il pubblico degli abbonati naturalmente apprezza divertito, riconoscendole un ruolo nel teatro italiano.
La Melato recita Gaber, censurandosi da sé con la lunga e densa canzone di denuncia "Qualcuno era comunista": parte un assolo di tromba quando bisogna dire che "Andreotti non è una brava persona", si perde la strofa "Qualcuno era comunista perché non ne poteva più di quarant'anni di governi democristiani incapaci e mafiosi". Ma la Melato non è ha colpa: ha avvertito il pubblico che a teatro si può far tutto, o quasi…
Poi l'attrice racconta della sua Milano degli anni '60, del Bar Jamaica e dei suoi inizi nel mondo del teatro. Ci racconta di sé come attrice e soprattutto come donna, del perché non si è mai sposata, ripetendo gag da sapiente zia in pantacollant. Ed è così che "la grande prova di un'attrice" si tramuta in un show di intrattenimento che tanto ha fruttato a Maria de Filippi.
I testi portano la firma di Vincenzo Cerami, Giampiero Solari, Riccardo Cassini e Mariangela Melato. Le musiche originali e gli arrangiamenti delle canzoni sono del maestro Leonardo De Amicis, le coreografie originali di Luca Tommassini. La regia è affidata a Giampiero Solari.
Prodotto dalla Ballandi Entertainment, Sola me ne vo debutta a Genova il 16 gennaio 2007 in prima nazionale e prosegue con una tournée di almeno 140 repliche girando l'Italia da nord a sud nei teatri più prestigiosi toccando città come Milano, Catania, Bologna, Firenze, Napoli e Roma fino a dicembre 2007.
Chi si aspettava uno spettacolo di varietà capace di intrattenerlo e fargli dimenticare i guai del mondo sghignazza e ammicca alla moglie. Chi ne apprezzava le doti attoriali ci resta un po' male e, riconoscendone comunque la validità artistica, non può far altro che prendersela con i produttori.

Sola me ne vo'
Dal 4 al 9 marzo 2008- ore 20,45

Reatro Smeraldo Piazza Xxv Aprile 10
Milano (MI)
Tel. 02 29.00.67.67


BALLANDI Entertainment
Con Mariangela Melato
di Vincenzo Cerami, Giampiero Solari, Riccardo Cassini, Mariangela Melato
regia di Giampiero Solari
Musiche originali, arrangiamenti e orchestrazioni: Leonardo De Amicis
Coreografie: Luca Tommassini
Impianto scenico e disegno luci: Marcello Jazzetti
Costumi (corpo di ballo) Francesca Schiavon


  • Ma dove se ne va Mariangela Melato?

Link Consigliati

Gli ultimi commenti

Commenta questo articolo

Nome: castolo
Commento: ciao mariangela , ti auguro una buona continuazione di vita...........1975 un bambino che avevi fra le tue braccia in una comparsa di film l albero di guernica ..ciao con affetto castolo


Dialoghi del silenzio - mostra personale di Pedro Zamora a cura di Massimiliano Bisazza
Città: Milano - Provincia: MI
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

Premio Letterario Nabokov e Premio Nabokov Racconti
Città: Lecce - Provincia: LE
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

“L’ultima Foglia Che Cade” il primo singolo di Federica Morrone
Città: Roma - Provincia: RM
dal: 03-04-2013 al: 01-01-2013

ArtExpo Barcelona 2
Città: Barcellona - Provincia:
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013