Sperimentazioni musicali e scelte coraggiose per un TAM da scoprire...

Maddalena Peluso - 13.12.2007 testo grande testo normale

Tags: Teatro, degli ,Arcimboldi, Pirelli, Klaus

Ad applaudire il tedesco Klaus Maria Brandauer, eclettico attore teatrale, in prima nazionale con "War and Pieces", un recital di grande complessità e profondità, erano in pochi ma l’atmosfera che si è creata credo abbia "consolato" i coraggiosi organizzatori, a cui va il merito di aver completamente tinteggiato le facciate del Teatro degli Arcimboldi, ribattezzandolo TAM, iniziandolo a myspace, ficcandoci dentro una rassegna musicale e teatrale inusuale, pretenziosa e colta che, come era da immaginarsi, il pubblico milanese stenta a comprendere.

C'era Klaus Maria Brandauer, premio Oscar per il "Mephisto" di Istvan Szabò e considerato uno dei più grandi attori europei….
C'era Daniel Hope, giovane e creativo violinista inglese, definito dall'Observer "il più eccitante musicista a corda dopo Jacqueline du Pré"…
C'era un settimino (o settetto) di quelli che non scherzano, composto, oltre che da Hope, da Gilles Mercier (tromba), Patrick Messina (clarinetto), Hans-Kristian Kjos Sorensen (percussioni), Jean Raffard (trombone), Wilmar de Visser (contrabbasso) e da Philippe Hanon (fagotto)….
C'era la meravigliosa Histoire du soldat, di Igor Stravinskij, un'opera musicale in cui il violino e le percussioni gareggiano tenendosi testa e destabilizzando gli uditori…
C'era la poetica I Granatieri di Heine, letta da Brandauer per la prima volta in italiano…
C'era anche un'ottima comunicazione e ufficio stampa, affidato a Parole e Dintorni.
E, cosa da non trascurare, c'erano convenzioni particolari per i giovani, per gli studenti, per chi avesse prenotato il biglietto su myspace…
Ma allora per quale arcana ragione nel foyer c'erano poco meno di cento persone, in un teatro che vanta la capienza di 2.400 posti…
Così, mercoledì 5 dicembre 2007, i pochi ospiti del Teatro degli Arcimboldi, in viale dell'Innovazione, 20, zona Milano/Pirelli, si sono sentiti dire dalle cordiali e imbarazzate hostess "il direttore è lieto di accogliervi sul palco per un happening con gli artisti".
Ed è così tutti son saliti sullo stesso palco in cui, a metà luglio, si era esibito Lou Reed con il suo progetto Berlin tra una folla di persone.
Ad applaudire il tedesco Klaus Maria Brandauer, eclettico attore teatrale, in prima nazionale con "War and Pieces", un recital di grande complessità e profondità, erano in pochi ma l'atmosfera che si è creata credo abbia "consolato" i coraggiosi organizzatori, a cui va il merito di aver completamente tinteggiato le facciate del Teatro degli Arcimboldi, ribattezzandolo TAM, iniziandolo a myspace, ficcandoci dentro una rassegna musicale e teatrale inusuale, pretenziosa e colta che, come era da immaginarsi, il pubblico milanese stenta a comprendere.
Ma, naturalmente, è soltanto questione di tempo: sono certa che in breve tempo il TAM conquisterà il suo pubblico, nonostante la presunta scomodità del luogo e l'aurea negativa che aleggia sugli Arcimboldi.
Merito anche dello Zelig che qui ha trovato una seconda casa….
A debuttare, martedì 11 dicembre, è stato lo spettacolo The temptation of St. Anthony del regista Robert Wilson che utilizzando un celebre testo di Flaubert ripropone la suggestione d'oltreoceano della realtà afroamericana.
Un'opera realizzata in collaborazione con la compositrice e studiosa della cultura afroamericana Bernice Johnson Reagon.
Un repertorio musicale dunque che varia tra spirituals, blues, inni, gospels, jazz e hip hop che resterà in cartellone fino al 16 dicembre 2007…
E poi si segnalano i Negramaro in concerto, il Circo Eloize e sperimentazioni musicali da non sottovalutare...
Anche per questi spettacoli c'è la possibilità di aver biglietti ridotti e speciali convenzioni…
E pensare che c'è ancora chi lotta per andare alla Scala….


  • Sperimentazioni musicali e scelte coraggiose per un TAM da scoprire...

  • Sperimentazioni musicali e scelte coraggiose per un TAM da scoprire...

Gli ultimi commenti

Dialoghi del silenzio - mostra personale di Pedro Zamora a cura di Massimiliano Bisazza
Città: Milano - Provincia: MI
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

Premio Letterario Nabokov e Premio Nabokov Racconti
Città: Lecce - Provincia: LE
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

“L’ultima Foglia Che Cade” il primo singolo di Federica Morrone
Città: Roma - Provincia: RM
dal: 03-04-2013 al: 01-01-2013

ArtExpo Barcelona 2
Città: Barcellona - Provincia:
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013