Uno, nessuno, centomila Rezza-Mastrella al Teatro Out Off di Milano. Quando se ne riconoscerà il genio?

Maddalena Peluso - 05.11.2007 testo grande testo normale

Tags: Antonio, Rezza, noia, Teatro

Così Antonio Rezza in copertina sul Times sarà definito "il più grande performer teatrale degli ultimi vent’anni" e Flavia Mastrella, "una geniale manipolatrice di materia, capace di dar forma alle sue allucinazioni da disadattata". Per il momento, sono loro a definirsi così. E anticipano il Times, figurarsi...

Un giorno qualcuno realizzerà un film sulla loro vita: analizzerà gli acuti esordi, l'affiatamento artistico, l'arguta ironia, la gioia e lo stupore della creazione, le acclamazioni di entusiasmo da parte del pubblico, la rassegnazione dinanzi alla cecità del mondo culturale nel non riconoscerne la dirompente genialità.
Così Antonio Rezza in copertina sul Times sarà definito "il più grande performer teatrale degli ultimi vent'anni" e Flavia Mastrella "una geniale manipolatrice di materia, capace di dar forma alle sue allucinazioni da disadattata". Per il momento, sono loro a definirsi così. E anticipano il Times, figurarsi...
Il giorno dopo l'uscita del film, naturalmente dal kolossal budget, i critici di tutto il mondo scriveranno della loro "straordinaria arte che dell'ordinario si nutre per masticarlo, digerirlo e rigettarlo", qualcuno confesserà che "è stata una sorpresa...non sapevo...non conoscevo...non pensavo che fossero così intensamente avvolti da questo male di vivere cinico e gioioso", in Italia ammetteremo che in quel periodo, arido culturalmente, "erano gli unici a fare un teatro di cui sarebbero entusiasti Antonin Artaud e Carmelo Bene".
Quel giorno arriverà, mi auguro, e per ora questi sono soltanto i commenti sul guestbook del web di Antonio e Flavia, consapevoli di possedere quella lucida follia che rende tutti i loro spettacoli, proposti nello splendido Teatro Out Off di Milano per l'intero ottobre 2007 con l'amaro titolo "Passato, presente e nessun futuro", totali.
Si parte con Pitecus ,(mai) scritto da Antonio Rezza su scene di Flavia Mastrella, spettacolo contro la cultura dell'assopimento e della quiescenza creativa, in cui prevale il triangolo, con "teste spigolose che fingono ragionamenti razionali, spicchi di volto che incattiviscono somatismi già di per sè malvagi e corruttibili". Rezza "gioca" con la stoffa avvolgendo i personaggi e completandoli: juta, seta, cotone, sintetici, plastica, li rendono opachi o scintillanti.
Ad essere messo in scena è stato poi il barcollante Io (del 1998), in cui il colore dei quadri si espande, il metallo si insinua nella stoffa, i cambiamenti di scena frequenti rinnovano in continuazione l'andatura cromatica.
Si passa poi a Fotofinish , storia di un uomo che si fotografa per sentirsi meno solo. E la solitudine, assenza di chi non ti è vicino, non può essere fotografata. Al centro della scena c'è una sfera bianca che rotola in un spazio del quale ignora completamente le regole, vagando come microcosmo mentale abitativo e definitivo.
Il 4 novembre 2007 Antonio Rezza si è congedato dalla rassegna meneghina con Bahamut , del 2006, liberamente associato al"Manuale di zoologia fantastica" di J.L. Borges e M. Guerriero, due anni di lavoro di ideazione dello spazio scenico, in cui la storia è nel ritmo: i passi, le frasi, i frammenti narrati, tenuti assieme dal corpo–parola, con una costruzione creata con le regole del montaggio cinematografico: Bahamut, essere mitologico incline a problematiche conservatrici, si svolge in uno spazio esterno-interno che logora la percezione del tempo e lo reimposta.
Gli spettacoli di Rezza, affini alla Tragedia Endogonidia della Societas Raffaello Sanzio, sono totali, viscerali, sensoriali e celebrari...
Non celebrarlo è peccato mortale...
E allora, peccatori, potremmo anche perdonargli la blasfemia...
Antonio Rezza e Flavia Mastrella .
dal 9/10/07 al 4/11/07
Teatro Out Off
via Mac Mahon 16
mar - sab 20.45, dom 16 tel 02 34532140


  • Uno, nessuno, centomila Rezza-Mastrella al Teatro Out Off di Milano. Quando se ne riconoscerà il genio?

  • Uno, nessuno, centomila Rezza-Mastrella al Teatro Out Off di Milano. Quando se ne riconoscerà il genio?

  • Uno, nessuno, centomila Rezza-Mastrella al Teatro Out Off di Milano. Quando se ne riconoscerà il genio?

Gli ultimi commenti

Dialoghi del silenzio - mostra personale di Pedro Zamora a cura di Massimiliano Bisazza
Città: Milano - Provincia: MI
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

Premio Letterario Nabokov e Premio Nabokov Racconti
Città: Lecce - Provincia: LE
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

“L’ultima Foglia Che Cade” il primo singolo di Federica Morrone
Città: Roma - Provincia: RM
dal: 03-04-2013 al: 01-01-2013

ArtExpo Barcelona 2
Città: Barcellona - Provincia:
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013