TAO. Teatro Giapponese tra tradizione e modernità

Alessia Guadalupi - 26.11.2006 testo grande testo normale

Tags: tao, wadaiko, smeraldo

Atleti? Musicisti? Ballerini? Al primo approccio gli artisti di TAO lasciano perplesso il pubblico occidentale, poco avvezzo al concetto giapponese di teatro, forse anche per l’inusuale contaminazione di tradizione antica e modernità.

Atleti? Musicisti? Ballerini? Al primo approccio gli artisti di TAO lasciano perplesso il pubblico occidentale, poco vicino al concetto giapponese di teatro (disciplina rigidissima -12 ore giornaliere di allenamento atletico e studio musicale in assoluto isolamento-, selezione spietata dei membri della compagnia, dedizione totale alla disciplina del wadaiko ), forse anche per l'inusuale contaminazione di tradizione antica e modernità (costumi tecnico-sportivi al posto della tipica giacca giapponese, la hippi, che forse avrebbe dato più coerenza al tutto, togliendo allo spettacolo quell'aria da "moderno a tutti i costi").
I dodici artisti della compagnia coinvolgono però facilmente la platea grazie a uno spettacolo che è un misto di atleticità e ritmo, suonando tamburi tradizionali di varie dimensioni (il più grande arriva a un diametro di 1,70 metri e a un peso di 6 quintali) e flauti di bambù (jegok), alternando momenti di sonorità meditative quasi zen a esplosioni di ritmo.

La compagnia giapponese TAO è stata fondata nel 1993, con l'intento di dare vita a una forma più moderna del tradizionale spettacolo del wadaiko, forma musicale ritmata che anticamente accompagnava battaglie, feste e cerimonie. La fisicità necessaria per poter suonare tamburi di grandi dimensioni faceva del wadaiko una sorta di rituale con il quale si chiedevano agli dei fertilità e buona sorte. Negli spettacoli di TAO il wadaiko viene epurato dalla sua forma tradizionale per contaminarlo con elementi moderni, nella volontà di renderlo più vicino al grande pubblico.
Nel 1995 TAO ha trasferito la propria sede a Kuju, costruendovi un edificio chiamato "Grandioso" (di nome e di fatto, visto che contiene una sala da concerto, un bar ristorante, un albergo e un centro benessere), dove tiene dei famosi concerti all'alba, accompagnando il sorgere del sole con la suggestione della musica, nello scenario naturale del panorama che si apre sulle "Highlands Kuju", alle pendici del monte Kuju.

TAO è arrivata al Teatro Smeraldo di Milano dopo tournée mondiali in cui ha toccato Hawaii, Taiwan, Corea, Olanda, Inghilterra, Belgio e Russia, riscuotendo ovunque grande successo di pubblico. La città lombarda non ha fatto eccezione, anche se da parte nostra si sarebbe forse preferito vedere uno spettacolo meno sensazionalistico e più vicino alla forma originale del wadaiko , se non altro per la curiosità di scoprire nella loro veste più autentica forme teatrali e musicali che non si ha occasione di vedere spesso sulle scene occidentali.

  • TAO. Teatro Giapponese tra tradizione e modernità

  • TAO. Teatro Giapponese tra tradizione e modernità

  • TAO. Teatro Giapponese tra tradizione e modernità

  • TAO. Teatro Giapponese tra tradizione e modernità

Gli ultimi commenti

Dialoghi del silenzio - mostra personale di Pedro Zamora a cura di Massimiliano Bisazza
Città: Milano - Provincia: MI
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

Premio Letterario Nabokov e Premio Nabokov Racconti
Città: Lecce - Provincia: LE
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

“L’ultima Foglia Che Cade” il primo singolo di Federica Morrone
Città: Roma - Provincia: RM
dal: 03-04-2013 al: 01-01-2013

ArtExpo Barcelona 2
Città: Barcellona - Provincia:
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013