This Was Supposed To Be The Future: primo disco per i pisani Criminal Jokers

Giuseppe Galato - 19.11.2009 testo grande testo normale

Un esordio seducente per i pisani Criminal Jokers con l'album This Was Supposed To Be The Future.

Pisa sembra stia negli ultimi anni diventando patria dei buskers, i suonatori di strada. Dopo l'esperienza Zen Circus, band pisana di punta all'interno del panorama musicale italiano odierno, arrivano ora i Criminal Jokers che, come i propri concittadini, riescono a miscelare all'animo del "menestrello" un'attitudine Punk alla Violent Femmes.

E non è un caso se i Criminal Jokers sono una delle band che puntualmente aprono ai concerti degli Zen Circus, come non lo è il fatto che This Was Supposed To Be The Future esce proprio per l'etichetta del gruppo di Andate Tutti Affanculo, la Iceforeveryone Records, in collaborazione con Infecta Suoni e Affini, Unhip Records e distribuito in Italia da Audioglobe.
Chiude il cerchio che unisce Criminal Jokers e Zen Circus la produzione artistica dell'album a firma di Andrea Appino, cantante e chitarrista del "circo zen".
La produzione, a questo proposito, ricorda molto da vicino i brani più marcatamente New-Wave presenti su Villa Inferno, quarto album degli Zen Circus che vedeva Brian Ritchie dei Violent Femmes alla produzione.

Il songwriting dei Criminal Jokers è molto simile a quello degli Zen Circus così, come simile è la voce di Francesco Motta (anche percussionista della band) a quella di Appino, tanto da far sembrare This Was Supposed To Be The Future un album a firma Zen Circus ma alle prese con la sola New-Wave (il sound generale è quello di "Dead Penfriend"). Si intravedono echi Beat, in particolare di matrice Rollingstoniana. La voce rauca e "strozzata" nelle grida, ricorda molto da vicino quella di Mick Jagger mentre il drumming scarno rimanda direttamente ai lavori dei Rolling Stones di metà anni '60.
"Killer", probabilmente il brano migliore dell'album, ne è l'esempio più lampante: un brano che sembra uscito da album come "Aftermath".

Un vero peccato che i Criminal Jokers, a differenza dei loro mentori, con questo Disco rimangano fissi su un solo genere piuttosto che spaziare e sperimentare verso nuovi orizzonti musicali.
In linea di massima This Was Supposed To Be The Future è un album leggermente ridondante nei contenuti ma che sa regalare alcuni momenti di intensa freschezza giovanile che hanno il sapore di un salto nella Swinging London.

Etichetta: Iceforeveryone Records/Infecta/Audioglobe

Anno: 2009


  • This Was Supposed To Be The Future: primo disco per i pisani Criminal Jokers

  • This Was Supposed To Be The Future: primo disco per i pisani Criminal Jokers


zoomma video

Link Consigliati

Gli ultimi commenti

Dialoghi del silenzio - mostra personale di Pedro Zamora a cura di Massimiliano Bisazza
Città: Milano - Provincia: MI
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

Premio Letterario Nabokov e Premio Nabokov Racconti
Città: Lecce - Provincia: LE
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

“L’ultima Foglia Che Cade” il primo singolo di Federica Morrone
Città: Roma - Provincia: RM
dal: 03-04-2013 al: 01-01-2013

ArtExpo Barcelona 2
Città: Barcellona - Provincia:
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013