Capobranco, il rock targato Padova

Fabio Dalmasso - 14.02.2017 testo grande testo normale

Rock e funk all'italiana per i Capobranco che con il loro nuovo lavoro, Il grande zoo, uniscono ottima musica a testi intelligenti.

É un ritorno molto gradito quello dei Capobranco, band rock di Padova che esordì nel 2014 con l'omonimo disco. Un album che permise al trio, a soli due anni dalla nascita, di farsi conoscere sul panorama musicale italiano grazie a oltre 40 concerti, in diversi club e festival.

Con il nuovo lavoro, Il grande zoo, il gruppo ritorna sulla scena per presentare un ottimo lavoro in cui il rock e il funk si miscelano in un'unione estremamente gradevole e coinvolgente. E sin dalle prime note si capisce subito lo stile dei Capobranco: il mini album di sei brani si apre infatti con "Benvenuti nel grande zoo" e con il suo riff tipicamente rock che strizza l'occhio al funk. Un insieme di suoni e atmosfere che richiamano alla mente alcuni episodi dei Negrita e che accompagna un testo nel quale non si fanno sconti alla società e ad alcuni dei suoi membri: "In cerca di carcasse vanno gli avvoltoi, come volteggiano cupi su di noi […] viscide lumache, sciami di zanzare, entrano nelle orecchie e non ti lasciano parlare".

L'importanza dei testi assolutamente mai banali è confermata anche da "Il rock è fuori moda", un brano con un ottimo ritmo che sembra dipingere un quadro dalle tinte fosche per gli amanti del rock, ma che si conclude con la speranza: "Il rock è fuori moda, ma tornerà di moda". Molto interessante è poi "La solitudine del fonico", canzone che i Capobranco giustamente dedicano al "lato più nascosto del rock and roll", a quei professionisti, cioè, senza i quali nessun concerto sarebbe possibile. Anche in questo caso il rock risulta di ottima fattura, ben eseguito e fantasioso.

Lascia un po' perplessi la terza traccia, "Cit.", brano che risente forse della voglia di affacciarsi su nuovi generi che però non sembrano molto nelle corde del trio padovano. Completano l'album "Miele di vespa", rock con venature pop, e "A un tratto". Con Il grande zoo i Capobranco confermano le speranze suscitate con il loro lavoro d'esordio e si presentano con tutte le carte in regole per riuscire a farsi conoscere sulla scena rock italiana e non solo.

  • Capobranco, il rock targato Padova

  • Capobranco, il rock targato Padova

  • Capobranco, il rock targato Padova

Link Consigliati

Gli ultimi commenti

Dialoghi del silenzio - mostra personale di Pedro Zamora a cura di Massimiliano Bisazza
Città: Milano - Provincia: MI
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

Premio Letterario Nabokov e Premio Nabokov Racconti
Città: Lecce - Provincia: LE
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

“L’ultima Foglia Che Cade” il primo singolo di Federica Morrone
Città: Roma - Provincia: RM
dal: 03-04-2013 al: 01-01-2013

ArtExpo Barcelona 2
Città: Barcellona - Provincia:
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013