Intervista a Federica Croce, vincitrice di 2 premi nel concorso Mittelmoda

Giulia Di Nitto - 26.10.2011 testo grande testo normale

Tags: mittelmoda, federica croce, vincitori

A Mittelmoda the fashion award 2011, trionfa un'altra giovane designer italiana, proveniente dall'Accademia di Costume e Moda di Roma: Federica Croce.

Federica Croce, entusiasta e con tanta passione, ci racconta dei suoi progetti e del suo concetto di moda, dopo aver vinto il Premio Camera Nazionale della Moda Italiana per la collezione più creativa e il Premio Blackberry per la migliore stilista italiana emergente in concorso.

A competizione terminata, quale pensi sia stata la tua idea vincente e cosa hai voluto esprimere con le tue creazioni?
Parto sempre dai materiali, la ricerca delle materie prime è il fil rouge dei miei lavori.(...)
Più si conosce la materia prima con cui si lavora, meglio si capiscono i limiti progettuali e meglio si focalizza l'obiettivo. Forse è stato questo il punto forte della collezione.
Il codice genetico di chi crea uno stile, una moda, è un segno riconoscibile, tangibile, e tanto più è forte, tanto più arriva internazionalmente.
Non sempre un'idea diventa facilmente un prodotto, ci sono casi in cui il passaggio è breve e altri in cui diventa complesso; in questo caso è stato un lavoro molto meticoloso, che ho stravolto e ricominciato più volte, provando tutte le combinazioni possibili tra materiali diversi tra loro.
Così facendo ho creato un prodotto che dura nel tempo.

Le tue proposte sono fatte di capi dallo stile elegante ma dallo stampo rock-grounge, a chi o a cosa ti sei ispirata?
Un connubio non proprio ordinario: il desiderio di apparire ribelli ed hardcore ma contemporaneamente eleganti e attraenti.
Il pizzo, la pelle nera,dal sapore punk, inserti di tessuti quasi metallici; ma il risultato è perbene. Bon Ton in uno spettinato ritmo gothic-noir-rock.
Non c'è dunque solo una filosofia di raffinatezza ma anche di gioco, spavalderia, eccentricità e ribellione, tutto dipende dal modo in cui sono combinati tra loro.(...) Risultato: una bambolina gothic-rock, vestita di piccoli pezzi bon ton di bianco cipriato, contraddetti qua e là da aggressive luminiscenze total black.
Il mix tra lisergico e zuccherino.

Che idea ti sei fatta del concorso Mittelmoda e se ti ha aiutato a confrontarti e migliorarti in questo campo?
Quello della moda è un universo in continuo movimento in cui le novità si susseguono e tramontano con la stessa velocità in cui nascono.
Le difficoltà sono molte, da quelle economiche a quelle di pubbliche relazioni.
I giovani stilisti fanno fatica a promuovere le proprie creazioni e i concorsi organizzati dalla Camera Nazionale della Moda, come Mittelmoda, possono dare ampio spazio e visibilità in questo settore.
Essere selezionati su un numero così vasto di partecipanti è già una grandissima soddisfazione, ma vincere addirittura due premi, mi ha, non solo reso più sicura di me e delle mie capacità, ma mi ha dimostrato che con la passione e l'impegno si possono realizzare le proprie aspettative. (...)

Quale idea hai della moda italiana e come vorresti apportare il tuo contributo?
Il mio sogno professionale è sempre stato quello di diventare designer, nel senso che desidero espandere le mie esperienze creative oltre la moda.
Stilista, comunicatrice, creativa...tutti insieme non mi bastano, ma mi basta essere curiosa.
Come stilista io sono affamata di nuove idee, sono la linfa per il nostro lavoro, insieme a ricerca e sensibilità estetica.
Nonostante questo sia senza dubbio un mondo difficile in cui farsi strada, credo che sia possibile realizzare le proprie visioni, l'importante è avere un'identità sempre riconoscibile e coerente, investendo nella ricerca e mirando a proporre un prodotto di qualità. Nei negozi di lusso di tutto il mondo la moda e i marchi italiani predominano tutt'ora.
La moda italiana, come tutte le attività in questo paese, consumano un patrimonio di energia iniziale e poi rallentano.
Diciamo che per "rilanciarsi" il Made in Italy avrebbe bisogno dell'economia! Forse è anche per questo che molti stilisti diventano troppo "conservatori". Io invece credo che quelli che continuano a vendere, anche in questi tempi di crisi, sono i capi unici, originali, che si vogliono avere a tutti i costi.
Il mio scopo è quello di proporre un prodotto qualitativamente valido e "irresistibile".

Qual è invece ilo tuo fashion style nella vita di tutti i giorni?
Uno stile puro e lineare, contraddistinto dalla particolare cura del dettaglio.
Certo, per molti curare il proprio look è anche una passione, ma io gioco su due fronti; sono una donna…e una stilista!

Quali aspirazioni hai per il futuro e in che direzione il premio Mittelmoda ti aiuterà a realizzarle?
Ho appena intrapreso l'avventura di aprire una mia linea di abbigliamento insieme a due amiche, Gea Antonini (vincitrice tra l'altro del primo premio Mittelmoda Award) e Livia Colarieti.
In seguito ai successi riscontrati abbiamo deciso di unirci ed è cosi che è nato il nostro brand, Hebe.
A dare vita a questo progetto è stata innanzitutto la grande amicizia che ci lega,ma è stato anche e soprattutto il frutto di una necessità: rispondere alla richiesta delle fashion victims come noi, proponendo una moda cosmopolita, eclettica, che abbia il sapore di città come Londra o New York.
Contaminazioni stilistiche per trasportare nella nostra città e nel nostro paese un concetto-moda che qui non è ancora arrivato.
Spinte dal desiderio di sperimentarci in un progetto innovativo,che sia nostro al 100% e che parli di noi, abbiamo dato vita a questo brand con l'intento di rinnovare la tradizione del Made in Italy e di nobilitarla, accentuandone il prestigio e rinnovandolo, sdrammatizzando la visione classica che se ne ha. Andiamo alla continua ricerca di un modo per esprimere la nostra creatività e visione.
La meta, per noi, è in continuo divenire.

  • Intervista a Federica Croce, vincitrice di 2 premi nel concorso Mittelmoda

  • Intervista a Federica Croce, vincitrice di 2 premi nel concorso Mittelmoda

  • Intervista a Federica Croce, vincitrice di 2 premi nel concorso Mittelmoda

  • Intervista a Federica Croce, vincitrice di 2 premi nel concorso Mittelmoda

  • Intervista a Federica Croce, vincitrice di 2 premi nel concorso Mittelmoda

  • Intervista a Federica Croce, vincitrice di 2 premi nel concorso Mittelmoda

  • Intervista a Federica Croce, vincitrice di 2 premi nel concorso Mittelmoda

  • Intervista a Federica Croce, vincitrice di 2 premi nel concorso Mittelmoda

  • Intervista a Federica Croce, vincitrice di 2 premi nel concorso Mittelmoda

Gli ultimi commenti

Dialoghi del silenzio - mostra personale di Pedro Zamora a cura di Massimiliano Bisazza
Città: Milano - Provincia: MI
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

Premio Letterario Nabokov e Premio Nabokov Racconti
Città: Lecce - Provincia: LE
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

“L’ultima Foglia Che Cade” il primo singolo di Federica Morrone
Città: Roma - Provincia: RM
dal: 03-04-2013 al: 01-01-2013

ArtExpo Barcelona 2
Città: Barcellona - Provincia:
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013