BRIVIDITALIANI - La dama rossa uccide sette volte

Claudio Questa - 28.12.2010 testo grande testo normale

Tags: BRIVIDITALIANI, anni 70, bouchet, gialli

Uno dei più onesti rappresentanti del cinema giallo italiano, amato da Quentin Tarantino e dai fan di madame Bouchet...

Completamente ambientato in Baviera, il film ha inizio con le continue liti di due bambine, che scopriremo essere due sorelle discendenti dell'antica famiglia dei Wildenbrück, la bionda Ketty e la bruna Evelyn. Dopo l'ennesima lite ,il nonno svela loro un segreto che coinvolge l'intera stirpe dei Wildenbrück e che è raffigurato in un quadro appeso nel salone dell'antico castello in cui abitano. Si tratta di una oscura leggenda che vede rivali in amore proprio due sorelle loro antenate, la Dama Rossa e la Dama Nera: la leggenda narra che ogni cento anni la Dama Rossa torni dall'aldilà per vendicarsi delle sette coltellate infertele dalla Dama Nera e uccidere sette persone, tra cui la Dama Nera. Il nonno teme le liti delle due nipotine, in quanto a breve dovrebbero ripetersi i macabri eventi che porteranno La Morte ancora una volta nel castello.
Qualche anno dopo, la leggenda prende nuovamente vita ed è proprio il nonno la prima vittima della Dama Rossa. A complicare la situazione, una testimone descrive alla Polizia un'inquietante figura vestita con una mantella rossa che ha i lineamenti e le fattezze di Evelyn, nonostante quest'ultima sia deceduta anni prima in un incidente proprio per mano della stessa Ketty...

Barbara Bouchet, Marina Malfatti, Ugo Pagliai e Marino Masé compongono il poker d'assi del Trash in questo piccolo gioiello del cinema di serie Z del 1972 (annata piuttosto fertile per il giallo all'italiana), scritto e diretto da Emilio Miraglia, già responsabile dell'altrettanto inquietante La notte che Evelyn uscì dalla tomba (e sì, l'errore grammaticale è presente nel titolo).
A una trama decisamente complicata e sopra le righe fanno però da contraltare una serie di trovate classiche del cinema de paura che rendono questa pellicola una delle opere, se non migliori, perlomeno più significative del genere: orrore, misteri, rompicapi, donnine svestite, droga, sesso, risatine diaboliche e tanto tanto sangue. Poco amato da Stephen King, è stato invece alquanto apprezzato da Tarantino, responsabile dello sdoganamento di questi titoli tra il grande pubblico, che ha consentito un'edizione in DVD davvero speciale per questo classico, reperibile però solo all'estero. Si tratta dell'ottima versione in cofanetto NoShame con l'altra opera di Miraglia già citata. Il film, in edizione integrale, contiene le tracce audio in italiano e inglese e una serie di interviste succulente. Ciliegina sulla torta, la miniatura della Dama Rossa. Da collezione.

La dama rossa uccide sette volte
Regia Emilio P. Miraglia
Sceneggiatura Emilio P. Miraglia
Produzione Phoenix Cinematografica, Romano Film, Traian Boeru
Fotografia Alberto Spagnoli
Paese Italia
Genere Giallo
Durata 98'
Uscita 18 agosto 1972

  • BRIVIDITALIANI - La dama rossa uccide sette volte


zoomma video

Gli ultimi commenti

Dialoghi del silenzio - mostra personale di Pedro Zamora a cura di Massimiliano Bisazza
Città: Milano - Provincia: MI
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

Premio Letterario Nabokov e Premio Nabokov Racconti
Città: Lecce - Provincia: LE
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

“L’ultima Foglia Che Cade” il primo singolo di Federica Morrone
Città: Roma - Provincia: RM
dal: 03-04-2013 al: 01-01-2013

ArtExpo Barcelona 2
Città: Barcellona - Provincia:
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013