74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica - Lean on Pete

Francesca Druidi - 14.09.2017 testo grande testo normale

Tags: Lean on Pete, Andrew Haigh, recensione, Charlie Plummer

Con 45 Anni Andrew Haigh si è imposto di prepotenza sulla scena del cinema europeo. A Venezia porta il suo nuovo film ambientato negli Stati Uniti, adattamento del romanzo La ballata di Charley Thompson di Willy Vlautin

L'American dream per il sedicenne Charley Thompson (Charlie Plummer), protagonista di Lean on Pete, è sentirsi a casa, avere qualcuno che si occupi di lui, qualcuno magari da amare a sua volta. Abbandonato dalla madre appena nato, Charley vive con un padre incasinato e immaturo (Ray, interpretato da Travis Fimmel) a cui vuole bene, ma che non può farlo sentire davvero protetto. La cronica mancanza di soldi porta il ragazzo a farsi assumere come aiutante in un maneggio di Portland, Oregon, dove si è da poco trasferito.

A gestirlo è Del Montgomery (Steve Buscemi), che da molti anni allena cavalli e sopravvive con cinismo nel mondo delle corse e degli scommettitori. Attraverso Del, Charley fa amicizia con Bonnie (Chloë Sevigny), fantina altrettanto disincantata, e soprattutto con Lean on Pete, un quarter horse a cui si affeziona in maniera profonda. Quando Charley capisce che il destino dell'amico è segnato - il cavallo è malandato e non più competitivo - rischia il tutto per tutto per non tranciare il prezioso legame con l'animale.

Lanciato da Weekend e soprattutto da 45 Anni, Andrew Haigh adatta il romanzo La ballata di Charley Thompson di Willy Vlautin come la personale epopea del suo giovanissimo protagonista contro la solitudine. Lean on Pete non è tanto un racconto di formazione, quanto la ricerca da parte di Charley di un posto da chiamare casa, di radici solide, basi sulle quali costruire un'identità e quindi anche un futuro.

Tra echi di Steinbeck e Dickens, il film - grazie alla sensibilità di sguardo umano e registico di Haigh - si prende tutto il tempo necessario per delineare il cammino del suo protagonista, sullo sfondo di un'America intrisa di amara epicità, nei suoi paesaggi così nei suoi abitanti, tutti un po' sconfitti, soli o insoddisfatti. E se la prima parte del film è davvero toccante, lasciando percepire allo spettatore tutto il portato emotivo di Charley, purtroppo la seconda parte non risulta altrettanto riuscita, appesantita da snodi narrativi non sempre convincenti e centrati.

Lean on Pete è una ballata malinconica ma non priva di speranza, un film duro ed emotivamente toccante che non sbraca mai nel didascalico o nel sovraccarico melodrammatico. Il regista britannico dirige un racconto intimo e asciutto con uno stile classico e improntato al realismo, dove il vero motore è l'intensa interpretazione del diciottenne Charlie Plummer, sempre in scena, che con un lavoro di sottrazione – mai piatto – riesce a trasmettere la condizione di disperata determinazione del suo personaggio. Plummer, che a Venezia ha portato a casa il Premio Mastroianni per il miglior attore emergente, ha in realtà alle spalle già diverse esperienze in tv e al cinema. Sarà, inoltre, John Paul Getty III in All the Money in the World di Ridley Scott, girato in Italia. Non si può quindi parlare propriamente di un emergente, ma l'intensità della sua performance, e anche il film. meritava un riconoscimento dalla giuria. Riconoscimento che, non dimentichiamo, ha già portato fortuna a Jennifer Lawrence (lanciata da Burning Plain), Diego Luna, Gael García Bernal, Mila Kunis, Jasmine Trinca e Tye Sheridan, tra gli altri.

Il film uscirà in Italia distribuito da Teodora con il titolo Charley Thompson.

  • 74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica - Lean on Pete

  • 74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica - Lean on Pete

  • 74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica - Lean on Pete

Gli ultimi commenti

Dialoghi del silenzio - mostra personale di Pedro Zamora a cura di Massimiliano Bisazza
Città: Milano - Provincia: MI
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

Premio Letterario Nabokov e Premio Nabokov Racconti
Città: Lecce - Provincia: LE
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

“L’ultima Foglia Che Cade” il primo singolo di Federica Morrone
Città: Roma - Provincia: RM
dal: 03-04-2013 al: 01-01-2013

ArtExpo Barcelona 2
Città: Barcellona - Provincia:
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013