Miss Sloane, la quota rosa del lobbysmo… anzi rossa

Simonetta Gallucci - 07.09.2017 testo grande testo normale

Tags: Jessica Chastain, John Madden, drammatico

John Madden porta sul grande schermo un personaggio, ed una professione, ambivalente e controverso, che si muove sul limite tra giusto e sbagliato, immergendosi nei giochi di pottere.

Elizabeth Sloane (Jessica Chastain) è un'affascinante donna dalla pelle bianca come il latte, come Biancaneve, e… basta, le similitudini si fermano qui.

Perché la Sloane è tutt'altro che ingenua, al contrario è decisamente scaltra, con una chioma rosso fuoco, tailleur attillati e tacco a spillo, ed è una lobbista.
La prima domanda che sorge spontanea è: cosa fa un lobbista? J. F. Kennedy sintetizzava così: «I lobbisti sono quelle persone che per farmi comprendere un problema impiegano 10 minuti e mi lasciano sulla scrivania cinque fogli di carta. Per lo stesso problema i miei collaboratori impiegano tre giorni e decine di pagine». E la Sloane su quest'efficacia non ha rivali, si muove spedita, sguscia sinuosa nella melma degli intrighi di potere, senza sguazzarci, mantenendo la giusta distanza.
O quanto meno lo fa fino a quando sul tavolo non c'è la legge Heaton-Harris, volta a regolamentare l'uso delle armi negli Stati Uniti, e fino a quando non le viene chiesto di supportare una campagna di "armamento delle donne in difesa dei propri cari". A quel punto, con la stessa determinazione mostrata nelle trattative precedenti, decide di lasciare l'agenzia per cui lavora, con al seguito i suoi migliori collaboratori, e passare dall'altra parte. Non si tratta però di una svolta buonista: per raggiungere il suo scopo, la lobbista non continua a non avere mezze misure, nessuna remora anche per usare metodi poco ortodossi o usare chi le è più vicino, fino a quando tutto questo non la porterà in tribunale.

John Madden porta sul grande schermo un tema scottante, su una delle professioni più nebulose esistenti, e lo fa con il pragmatismo, la crudezza e la precisione necessaria, lasciando lo spettatore alquanto incredulo. Jessica Chastain è assolutamente impeccabile in un film che pesa interamente sulle sue spalle, e che lei sola porta avanti fino alla fine senza una sbavatura né un cedimento.
Tutto il pathos si concentra in due occhi di ghiaccio, parole precise e taglienti, calcolo e pianificazione; non c'è alcuno spazio per le emozioni, che sono solo delle mosche fastidiose da scacciare con un gesto della mano. Lo spettatore cammina con la protagonista sul filo sottile che divide il giusto dallo sbagliato ma, non avendone esperienza, talvolta inciampa e barcolla, mentre lei con la sua logica di ferro ha già imparato ad escludere ogni forma di dubbio, puntando ben dritta verso il risultato finale (non privo di colpi di scena).

Difficile dire se il film risponda al vero, sia realistico o quanto meno verosimile; senza esitazione si può solo affermare che è ben fatto e sul finire dell'estate potrebbe essere una delle migliori proposte in programmazione.

TITOLO ORIGINALE: Miss Sloane
Regia: John Madden
Cast: Jessica Chastain, Mark Strong, Gugu Mbatha-Raw, Alison Pill, Michael Stuhlbarg
Anno: 2017
Produzione: USA
Durata: 132 min
Data uscita: giovedì 07 settembre 2017
Genere: drammatico

  • Miss Sloane, la quota rosa del lobbysmo… anzi rossa

  • Miss Sloane, la quota rosa del lobbysmo… anzi rossa

  • Miss Sloane, la quota rosa del lobbysmo… anzi rossa


zoomma video

Gli ultimi commenti

Dialoghi del silenzio - mostra personale di Pedro Zamora a cura di Massimiliano Bisazza
Città: Milano - Provincia: MI
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

Premio Letterario Nabokov e Premio Nabokov Racconti
Città: Lecce - Provincia: LE
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

“L’ultima Foglia Che Cade” il primo singolo di Federica Morrone
Città: Roma - Provincia: RM
dal: 03-04-2013 al: 01-01-2013

ArtExpo Barcelona 2
Città: Barcellona - Provincia:
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013