Il padre d'Italia e il vuoto dentro

Simonetta Gallucci - 20.03.2017 testo grande testo normale

Tags: Fabio Mollo, Isabella Ragonese, Luca Marinelli

Il giovane regista calabrese Fabio Mollo, al suo secondo lungometraggio, si cimenta con un road movie che va molto al di là delle apparenze e tocca temi profondi, attuali ed intimi, con delicatezza.

Paolo (Luca Marinelli), orfano fin dalla nascita, rimasto parcheggiato in un orfanotrofio fino alla maggiore età, omosessuale, scaricato da un compagno che voleva qualcosa di più, nella sua condizione di immobilismo cronico incontra Mia (Isabella Ragonese), ragazza calabrese in cerca di fortuna come cantante, visibilmente incinta. I due si ritrovano per caso in un locale, Mia sviene letteralmente tra le braccia di Paolo che, forse suo malgrado, decide di prendersi cura di questa ragazza apparentemente forte e di riportarla a casa.
Parte così un road movie che da Torino li porta fino a Bagnara Calabra, per un riconciliazione con le origini, per essere traghettati verso l'età adulta.
Il regista Fabio Mollo, al suo secondo lungometraggio, nonostante alcune visibili lacune nella realizzazione, dona una storia che va molto al di là delle apparenze, perché non può essere banalmente sintetizzato come un film "sulla voglia di genitorialità degli omosessuali".

Questa è la storia di due vuoti che si incrociano, si riconoscono, si abbracciano, si consolano. Sono però due vuoti profondamente diversi. Paolo quando incontra Mia si plasma, cerca di entrare nel suo spazio vuoto e colmarlo. Mia, invece, è un buco nero che, nel tentativo di far sparire quel vuoto interiore, risucchia tutto ciò che ha intorno con ingordigia, lo mastica e poi lo vomita, ridotto in poltiglia. Nel tentativo di resistere ad una vita che non sembra offrire loro molte possibilità, si aggrappano l'uno all'altro, si contagiano a vicenda. Paolo impara così a lasciarsi andare, a fare una deviazione, ad accettare il suo essere "contro natura". Mia cerca di riappacificarsi con il suo passato, tornando in una Calabria ostile ma che quanto meno non si nasconde dietro la patina dell'ipocrisia, giudica spudoratamente ed apertamente i due protagonisti, li porta a fare i conti con il loro "non essere una signora".

Distribuito in poche sale in tutta Italia, questo non è e non può essere un film per tutti ma, ciò nonostante, qualcuno andrà a cercarlo, troverà quell'unica sala della città che lo proietta ancora e deciderà di vederlo, perché solo chi sente un vuoto dentro ci si riconosce.

IL PADRE D'ITALIA
Regia: Fabio Mollo.
Cast: Luca Marinelli, Isabella Ragonese, Anna Ferruzzo, Mario Sgueglia, Federica de Cola.
Anno: 2017
Nazione: Italia
Distribuzione: Good Films
Durata: 93 min
Data uscita: giovedì 9 marzo 2017
Genere: Drammatico

  • Il padre d'Italia e il vuoto dentro

  • Il padre d'Italia e il vuoto dentro

  • Il padre d'Italia e il vuoto dentro

  • Il padre d'Italia e il vuoto dentro


zoomma video

Gli ultimi commenti

Dialoghi del silenzio - mostra personale di Pedro Zamora a cura di Massimiliano Bisazza
Città: Milano - Provincia: MI
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

Premio Letterario Nabokov e Premio Nabokov Racconti
Città: Lecce - Provincia: LE
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

“L’ultima Foglia Che Cade” il primo singolo di Federica Morrone
Città: Roma - Provincia: RM
dal: 03-04-2013 al: 01-01-2013

ArtExpo Barcelona 2
Città: Barcellona - Provincia:
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013