T2 Trainspotting: un'attesa lunga vent'anni

Simonetta Gallucci - 18.02.2017 testo grande testo normale

Tags: TrainspottingDue, sequel, Welsh, t2

Tornano sul grande schermo i protagonisti di un film culto degli anni '90, ancora una volta diretti da Danny Boyle.

Erano anni ormai che si parlava di un sequel per Trainspotting, film cult degli anni '90, che ha segnato una generazione ed ha portato sul grande schermo, in maniera totalmente innovativa e fuori dagli schemi, il tema dell'uso dilagante dell'eroina tra i giovani. Irvine Welsh, nove anni dopo la pubblicazione del suo romanzo d'esordio, aveva già ripreso Renton, Sick Boy, Spud e Bebgie in Porno, tracciandoli non più alle prese con la droga, bensì con l'idea di realizzare un business legato alla pornografia.
Danny Boyle, invece, ci ha messo un decennio in più per decidere che era arrivato il momento di riportare i ragazzacci di Edimburgo sul grande schermo. Erano anni che se ne parlava ed ora, dopo liti, dissapori e ripensamenti, ecco che ritroviamo i quattro protagonisti, invecchiati, stempiati e nostalgici, almeno quanto noi.
Renton (Ewan McGregor), che era scappato col bottino dato dalla vendita di una partita di eroina "scegliendo la vita", fa ritorno a casa e come prima cosa rivede Spud (Ewen Bremner), l'unico a cui abbia illo tempore dato la sua parte, spesa ovviamente in dosi, com'era prevedibile. Sick Boy (Jonny Lee Miller) invece si barcamena tra il vecchio pub della zia e la produzione di filmini pornografici ai danni di esponenti influenti della comunità, per poi poterli ricattare, assieme alla fidanzata-non fidanzata Veronica. E Bebgie (Robert Carlyle)? Folle com'era, in questi vent'anni è riuscito ad ammazzare un uomo e farsi rinchiudere in galera ma, con tempismo perfetto, riuscirà ad evadere, assetato di vendetta, contemporaneamente al ritorno di Rent Boy. E, così come allora, ci sarà prima un'occasione… e poi arriverà un tradimento.

Probabilmente la grande indecisione del regista in merito alla creazione di un sequel fa capo alle stesse ragioni che dettano la diffidenza dello spettatore: come si può eguagliare il successo di un film passato alla storia? Difatti, non si può, basta prenderne coscienza. Boyle sembra aver fatto la stessa riflessione, giungendo alla conclusione che sarebbe stato inutile e spiacevole creare la versione cinematografica di "Porno", con i protagonisti da ringiovanire per l'occasione. Meglio quindi ambientare la storia vent'anni dopo, con i quattro che portano sul viso i segni del tempo, trascorso più (come nel caso di Renton) o meno (come per Spud) bene. Renton resta il primo della classe, quello col faccino più pulito di tutti ma allo stesso tempo quello più sgamato, tanto il personaggio nella pellicola quanto l'attore nella carriera. Sick Boy è giallo d'invidia, con i capelli tinti biondo platino a bandiera dell'artificiosità degli atteggiamenti. Spud è quello invecchiato peggio, corroso dall'eroina. E Begbie, infine, è un cavallo pazzo come sempre, ma ha bisogno di dosi massicce di Viagra per andare avanti. Tutti e quattro sono malinconici, almeno quanto noi da questa parte dello schermo. Insieme a loro, facciamo i "turisti nella giovinezza", in un passato fatto di musica assordante e trip, ogni azione ci rimanda indietro nel tempo, ci fa rivivere un momento indimenticabile.

Con Renton & Co. ci tuffiamo nella nostalgia, nella carta da parati con i treni che sbuffano, sguazziamo nei ricordi delle scene migliori, ondeggiamo al ritmo di "Born Slippy", rimaniamo dipendenti sempre e comunque da qualcosa, ed alla fine scegliamo ancora la vita… o quel che ne resta.


T2 TRAINSPOTTING
Regia: Danny Boyle
Sceneggiatura: John Hodge
Cast: Ewan McGregor, Jonny Lee Miller, Ewen Bremner, Robert Carlyle, Simon Weir
Anno: 2017
Nazione: Gran Bretagna
Distribuzione: Warner Bros Italia
Durata: 118 min
Data uscita in Italia: giovedì 23 febbraio 2017
Genere: Drammatico

  • T2 Trainspotting: un'attesa lunga vent'anni

  • T2 Trainspotting: un'attesa lunga vent'anni

  • T2 Trainspotting: un'attesa lunga vent'anni

  • T2 Trainspotting: un'attesa lunga vent'anni

  • T2 Trainspotting: un'attesa lunga vent'anni


zoomma video

Gli ultimi commenti

Dialoghi del silenzio - mostra personale di Pedro Zamora a cura di Massimiliano Bisazza
Città: Milano - Provincia: MI
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

Premio Letterario Nabokov e Premio Nabokov Racconti
Città: Lecce - Provincia: LE
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

“L’ultima Foglia Che Cade” il primo singolo di Federica Morrone
Città: Roma - Provincia: RM
dal: 03-04-2013 al: 01-01-2013

ArtExpo Barcelona 2
Città: Barcellona - Provincia:
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013