Tutti i cinefili vennero a galla per salutare l'Apollo

Simonetta Gallucci - 23.01.2017 testo grande testo normale

Tags: Apollo, Milano

Il 15 gennaio il cinema Apollo di Milano ha chiuso definitivamente i battenti per fare spazio ad un Apple Store.

Ci è voluta una settimana per rendermene conto. Ho dovuto cercare la programmazione del weekend ed imbattermi in quella scritta dolorosa: Apollo, chiuso definitivamente. Per chi non lo sapesse, l'Apollo è uno storico cinema situato in pieno centro a Milano, che domenica 15 gennaio ha proiettato gli ultimi film, prima di cedere il posto ad un Apple Store. Non era soltanto un cinema come tanti, soprattutto per me.
All'Apollo ho imparato moltissime cose. Io, che vengo da un paesino in cui il cinema nemmeno c'è, e quello più vicino proietta solo cinepanettoni, ho visto qui le prime anteprime che poi ho recensito. L'Apollo mi ha fatto scoprire il cinema d'autore, a volte perfino troppo d'autore, film di nicchia e che sono rimasti poco conosciuti al grande pubblico, ma che hanno stimolato in me uno spirito critico, la voglia di interrogarmi sull'essenza delle cose, della vita.
Nelle sale ispirate alla mitologia greca, in alcune delle quali il cellulare nemmeno prendeva, mi sono rifugiata e ho riso, pianto, pensato; sono uscita di lì a volte scossa, altre perplessa, altre ancora emozionata, passeggiando per Corso Vittorio Emanuele come trasognata. Percorrendo quei corridoi puntellati di vecchie locandine, ho apprezzato la bellezza dei film in lingua originale, che privati del filtro del doppiaggio rendevano tutto più autentico.
In questi dodici anni il cinema Apollo si è evoluto, aprendosi anche all'esposizione di opere d'arte, senza perder mai di vista l'elemento cardine che lo ha contraddistinto negli anni: un'offerta sempre eccellente, dalla programmazione alle rassegne (Sound & Motion, per gli amanti del cinema in lingua, o i Rivediamoli, per i ritardatari cronici).
Ed anche nel suo ultimo giorno di vita non ha perso la classe e l'eleganza, salutando i suoi "amici del cinema", tesserati e non, con queste parole: "Il cinema Apollo terminerà la sua programmazione domenica 15 gennaio a causa di un cambio di attività commerciale per noi soci al 50% nella gestione del cinema Apollo, è stato, nostro malgrado, un cambio di rotta doloroso, in controtendenza con l'intento di promuovere la cultura del cinema e di crescere insieme al nostro pubblico. Ringraziamo gli spettatori per l'affetto dimostrato in questi dodici anni, ognuno di loro ha saputo darci qualcosa, dalla costante affluenza alle sale, alla petizione per salvare Apollo. Le porte di Apollo si chiudono, ma si aprono quelle di Palazzo del Cinema Anteo e di un nuovo cinema a Citylife. Non è la stessa cosa, non lo sarà mai, ma vogliamo che il dispiacere si converta subito in energia positiva, costruttiva. Agli spettatori un grazie di cuore, perché amano il cinema quanto noi amiamo il nostro lavoro. Per noi sono il punto di riferimento fondamentale, quanto il cinema è e sarà per la città di Milano e per il nostro Paese. Un grazie speciale a tutti i lavoratori che all'Apollo si sono succeduti in questi anni, che insieme agli spettatori hanno consentito questo percorso di successo".
Ora non c'è che da aspettare l'apertura del Palazzo del Cinema, sperando che la varietà dell'offerta (bar, ristoranti, nursery, e chi più ne ha più ne metta) non distolga l'attenzione dall'elemento davvero importante: la qualità delle pellicole in programmazione. Sono convinta, però, che i miei "maestri del cinema" sapranno come fare e non mi deluderanno.

Gli ultimi commenti

Dialoghi del silenzio - mostra personale di Pedro Zamora a cura di Massimiliano Bisazza
Città: Milano - Provincia: MI
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

Premio Letterario Nabokov e Premio Nabokov Racconti
Città: Lecce - Provincia: LE
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

“L’ultima Foglia Che Cade” il primo singolo di Federica Morrone
Città: Roma - Provincia: RM
dal: 03-04-2013 al: 01-01-2013

ArtExpo Barcelona 2
Città: Barcellona - Provincia:
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013