Il Nuovo Museo e Tesoro del Duomo di Monza

Ida Morisetti - 13.11.2007 testo grande testo normale

Tags: Monza, museo, duomo, tesoro

Con più di 1500 visite solo nelle due giornate di visite organizzate gratuite, si è inaugurato sabato 10 novembre il Nuovo Museo e Tesoro del Duomo Monza, un progetto di vecchia data che illumina finalmente i tesori della cattedrale monzese della luce che meritano.

E infine anche Monza ha trovato il suo grande museo.
Perché i manufatti facenti parte del Tesoro del Duomo – che subito associamo alla Corona Ferrea - rientrano tra gli esempi più significativi e splendidi della produzione tardo romanica e barbarica, ed effettivamente meritano un complesso museale che sia in grado non solo di custodirli ma di valorizzarli al meglio.

L'iniziativa per la realizzazione del Nuovo Museo è stata sostenuta dai due mecenati monzesi Franco e Titti Gaiani, la cui generosità ha consentito di ampliare gli spazi espositivi già presenti del Museo del Serpero, risalente agli anni Sessanta, offrendo una collocazione adeguata al ricco patrimonio della Cattedrale.

Il Nuovo Museo – la cui progettazione si è protratta per più di 10 anni – è stato pensato dall'architetto Cini Boeri come uno spazio flessibile capace di ospitare, secondo il desiderio dei committenti, anche mostre, conferenze ed eventi collaterali e si sviluppa come struttura ipogea al di sotto della basilica per 1400 metri quadrati. L'illuminazione - più che mai determinante in questo caso - è stata curata da due “maghi” del settore, Serena e Francesco Iannone.

La creazione del nuovo museo ha consentito il riordino delle collezioni, che sono ora strutturate per nuclei tematici all'interno di un percorso cronologico, consentendo al visitatore di contestualizzare al meglio le opere. Strutturalmente distinti, eppure armonizzati tra loro concettualmente, sono i due momenti fondamentali attraverso cui si sviluppa l'esposizione: una prima sezione dedicata alle origini del Tesoro ed una seconda sezione che parte dal Trecento – anno in cui la famiglia Visconti decide di rifondare l'edificio voluto da Teodolinda nel VI secolo - ed arriva alla contemporaneità, passando da Matteo da Campione a Lucio Fontana.

Ma la vera forza di questo progetto risiede nell'aver saputo creare uno spazio forte, capace di raccontare e spiegare al visitatore coinvolgendolo e stupendolo.
L'architettura e la tecnologia illuminotecnica – con soluzioni decisamente d'avanguardia, che permettono di apprezzare pienamente anche oggetti “difficili” come i capolavori d'oreficeria - non sono sfoggio o virtuosismo, ma diventano strumenti attraverso cui il museo arrichisce il proprio vocabolario, per creare in senso emozionale un contatto diretto ed immediato con il visitatore – e che emozione veder apparire nella penombra morbida, ben 11 metri sotto terra, il magnifico rosone originale del Duomo splendente come un gioiello!

Grande attenzione, finalmente, al valore didattico del museo, inteso non come formazione imposta, ma come l'opportunità per tutti di far luce non solo sui percorsi delle collezioni, ma anche su quelli della Storia e delle storie.
Ma come sottolinea il giovane direttore del museo Luigi Di Corato, Il Nuovo Museo vuole essere anche luogo di ricerca e di continua progettazione, non limitandosi “semplicemente” ad esporre le sue eccezionali opere: per poter essere vivo a tutte gli effetti, il museo deve sapersi porre in modo attivo rispetto alle sue collezioni, che devono essere studiate e comunicate.

A seguito di una risposta da parte del pubblico decisamente positiva – le due giornate di visite guidate gratuite al pubblico hanno registrato più di 1500 presenze – comincia ora per il Nuovo Museo il compito più difficile, che sembra però avere tutte le carte in regola per il successo.

Nuovo Museo e Tesoro del Duomo di Monza
Piazza del Duomo, Monza
orari museo: dal martedì alla domenica 9-13 14-18. lunedì chiuso
Visite guidate su prenotazione
La biglietteria chiude un'ora prima del museo
Per informazioni: Tel. 039 326 383


Didascalie:
Immagine 1: Rosone, Bottega Lombarda, fine XV-inizi XVI secolo
Immagine 2: Corona Ferrea, metà del XIX secolo
Immagine 3: Sovracoperta di Evangeliario, VI secolo
Immagine 4: Sandro Chia, Sant'Ambrogio, cartone per vetrata

  • Il Nuovo Museo e Tesoro del Duomo di Monza

  • Il Nuovo Museo e Tesoro del Duomo di Monza

  • Il Nuovo Museo e Tesoro del Duomo di Monza