''Into the woods'' la mostra di Luigi Menichelli

Antonio Fontana - 29.04.2017 testo grande testo normale

Tags: into the woods, luigi menichelli, romberg arte contemporanea, italo bergantini

Into the woods a cura di Italo Bergantini e Gaia Conti, è la mostra personale di Luigi Menichelli alla Romberg Arte Contemporanea di Latina.

Inaugurata i primi di Aprile ed ospitata nell'attuale sede della storica galleria cittadina, la mostra resterà aperta fino al 28 Maggio 2017.
Romberg è uno spazio espositivo dove vengono proposte annualmente interessanti mostre, tra pittura, scultura e fotografia.
L'esposizione di Luigi Menichelli va visitata assolutamente, raccoglie la recente produzione di questo artista e riassume la lunga sperimentazione che ormai da molti anni svolge.


Menichelli rielabora la natura pseudo-morta, in un ready-made che recupera foglie cadute raccolte nelle sue passeggiate. E' un ready-made lontano dal Dada di Duchamp, o del Nouveau Realisme di Arman.
Le due avanguardie, la seconda figlia della prima, proposero il riutilizzo di materiali e oggetti, costruiti e adoperati dall'uomo. Arman per esempio, nelle sue famose "Agglomerazioni" assembla oggetti che la nostra società reputa marginali e banali, indirizzando la nostra attenzione su ciò che osserviamo superficialmente ponendo in evidenza il valore di ciò che utilizziamo ogni giorno.
Menichelli non recupera oggetti marginali senza importanza che l'uomo ha fatto e lasciato in disuso, ma qualcosa che l'uomo non può creare, e che è parte fondamentale della vita dell'uomo: Madre Natura.

Nelle sue "Agglomerazioni di foglie" c'è un operato analogo alla conglobazione di Arman, ma con un fine diverso, come se volesse che le necessità di natura, artista ed arte, si fondessero tra loro in un infinito susseguirsi di mutazioni, dalle quali nessuna delle tre può prescindere.
La sua è una minuziosa ricerca di foglie ormai prive di vita, quasi identiche l'una all'altra, che vengono disposte una per volta, una al di sopra o al fianco dell'altra, una intorno all'altra, una contro l'altra. Senza mai opprimere nessuna di esse, come fossero dialoganti tra loro per mezzo di un gesto rituale e paziente, arricchite da ramoscelli, gemme, che si aggiungono e si alternano ad altre sovrapposizioni.
Così compone armonie delicate creando come delle strutture tridimensionali, poi immerse nello smalto, fatte asciugare, ri-modellate, e immerse ancora in seguito nel colore, fino a prendere nuova vita, brillando di rinnovata fioritura senza tralasciare alcun dettaglio della loro storia. Nulla è lasciato al caso, le resine e gli smalti colorati e vivaci isolano le foglie rendendole eterne, quasi un "ibernazione cromatica". Un processo che riporta in una seconda vita fogliami che prima giacevano a terra lungo percorsi naturalistici, o per meglio dire, li riporta in una prima nuova vita, quella dell'Arte. Cercate, trovate, colorate, raccontano la rinascita, un valore determinante che è parte integrante del lavoro di Luigi Menichelli.

Gaia Conti e Italo Bergantini curatori di questa mostra scrivono: "Luigi Menichelli compone opere stupendamente malinconiche nelle quali interno ed esterno si fondono e si compenetrano. Sono appesi manti eterei, incrollabili creature adagiate al muro della galleria, e volanti esseri che dal soffitto come nugoli di farfalle compatte fluttuano e si ri-posano.
Materie concrete da toccare con la pelle sensibile delle dita – che del nostro corpo sono estremità come le foglie per l'albero – odorare e ascoltarne il canto ermeticamente racchiuso nel loro DNA, assimilato dall'artista e restituito in forma di note colorate al pubblico
".

Luigi Menichelli nasce a Latina, studia al Liceo Artistico e all'Accademia delle Belle Arti d Roma, dove vive e opera.
Numerose sono le mostre personali e collettive negli anni, e numerosi i personaggi della letteratura, critica, giornalismo e spettacolo che hanno scritto di lui. Tra le più importanti: nel 1975 a Roma per la X Quadriennale d'Arte "La nuova Generazione", nel 1984-S. Severina per il Premio S. Severina. Nel 1987 espone ad Arezzo, Sala S. Ignazio "Con il Cuore dell'Arte" con testo di Mario Novi. Nel 1988 a Viterbo, Palazzo Degli Alessandri, "Pittura Come" a cura di Mario Novi e Vito Aculeo. Nel 1988 è L'Arte contro L'AIDS, a cura di Aldo Forbice.
Nel 1992 è al Palazzo della Cultura di Latina per "Discanto", Pittura e Scultura Fuori Margine, a cura di Paolo Balmas. Nel 1992 ancora a Sermoneta – Castello Caetani in "Corrispondenze" di Alessandro Masi.
Nel 1993 espone ad Anzio, Villa Adele, in "Senza gioco delle Parti" di Raffaele Gavarro. Nel 1994 è a Latina, Romberg Arte Contemporanea, con "La Nave Dei Folli" e a Roma, Pino Molica Gallery "In– Europa – America" - Eventi 180 artisti segnalati da 60 critici con testo in Catalogo di Paolo Balmas.
Nel 1995 è a Latina, Romberg Arte Contemporanea, in "Presagi, Paesi e Paesaggi" con testo di Enrico Smith, nel 1996 nella Villa di Fogliano per L' Ago di Fogliano e a Latina, Romberg Arte Contemporanea, in "Golfo Mistico" con interventi critici di Barbara Martusciello e Francesco Lodola.
Nel 1998 partecipa ad "Eventi- Arte Contemporanea" a cura di Barbara Martusciello. Nel 2001 a Cori – Palazzotto Lucani - espone "Segni Contemporanei" con testo di Barbara Martusciello, Nel 2003 a Latina, Comando provinciale Guardia di Finanza- Palazzo M : LITTORIA poi LATINA, "Contemporanea 1945 – 2003" - Riflessioni per una storia delle arti visive con testo critico di Bonucci, Paolo Costanzo, Renato Gabriele, Luca Bandiroli, Caterina Vicino, Massimo Palumbo.
Nel 2003 a Casacalenda, Molise per KALENARTE a cura di Massimo Palumbo. Nel 2007 ha esposto a Sermoneta – Città D'Arte –in "Fuori Dalla Gabbia -Progetto Aperto", omaggio a Tonino D'Erme a cura di Massimo Palumbo con testi e testimonianze di Giorgio Bonomi, Giorgia Capurso, Daniele Fiacco, Gianluca Marziani, Teresa Zambrotta, Piergiacomo Sottoriva, Loredana Lasala. Nel 2008 espone a Roma – Palazzo Venezia,"L'Arte di Amare L'Arte", 40 artisti a sostegno della Fondazione Città Italia a cura di Massimo Riposati. Nel 2008 ha esposto a Londra, Istituto Italiano di Cultura: "Italian Suggestion – From the Tiber to the Thames". Di Rossana Pittelli, con testo critico di Nuccia Micalizzi. Sempre nel 2008 a Londra Galleria Fiumano Fine Art: "Italian Suggestion – From the Tiber to the Thames". 2010 Londra Crypt St Pancras Church, "Caged Bird Sings".

Romberg photo credit Marcello Scopelliti

  • ''Into the woods'' la mostra di Luigi Menichelli

  • ''Into the woods'' la mostra di Luigi Menichelli

  • ''Into the woods'' la mostra di Luigi Menichelli

Gli ultimi commenti

Dialoghi del silenzio - mostra personale di Pedro Zamora a cura di Massimiliano Bisazza
Città: Milano - Provincia: MI
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

Premio Letterario Nabokov e Premio Nabokov Racconti
Città: Lecce - Provincia: LE
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013

“L’ultima Foglia Che Cade” il primo singolo di Federica Morrone
Città: Roma - Provincia: RM
dal: 03-04-2013 al: 01-01-2013

ArtExpo Barcelona 2
Città: Barcellona - Provincia:
dal: 01-01-2013 al: 01-01-2013