Bookcity 2016: apre Elif Shafak, chiude Clara Sanchez, ma in mezzo ci sono eventi per ogni gusto

Stefano Fornaro - 17.11.2016 testo grande testo normale

Tags: #BCM16, Bookcity 2016, Milano

Inizia oggi la quarta edizione di Bookcity Milano, dopo il grande successo delle precedenti. La capitale meneghina si appresta a ospitare più di 600 eventi e ad aprire a sconosciuti o ai milanesi distratti i luoghi più segreti, ma culturalmente piacevoli della sua storia. L’offerta, gratuita ovunque, è talmente ampia da ritrovarsi solo l’imbarazzo della scelta.

Apre i battenti stasera al tradizionale Teatro Dal Verme, la quarta edizione di Bookcity Milano o come ormai è semplicemente #BCM16, come si usa chiamarla sui social.
La prima occasione sarà data dalla premiazione, con il Sigillo della città, da parte del sindaco Sala alla scrittrice turca Elif Shafak, nota al livello internazionale per la sua autorevole opinione sulla situazione turca. Da domani, poi, si accende un calendario di eventi, talmente numerosi e diversificati, da confondere la scelta di reader, webreader, e-reader, poeti, giallisti, viaggiatori, artisti, cuochi, poeti, sportivi e persino economisti.
Sono centinaia e centinai di eventi letterari sparsi ovunque, a tal punto che è difficile, anzi impossibile contarli tutti. Definire con il generico termine eventi le manifestazioni di Bookcity non è nemmeno corretto. Siamo di fronte a una mistura che ha tutta l'intenzione di stravolgere la vita cittadina nell'imminente fine settimana: presentazioni di libri, dialoghi con gli autori, reading diurni e notturni!, accompagnamenti musicali e di danza, pieces teatrali, proiezioni, fin anche biciclettate e visite turistiche.

IL CUORE PULSANTE
Il cuore pulsante, la zona centrale resta il Castello Sforzesco, con sue quattro sale principali, pronte ad accogliere le migliori firme nazionali e internazionali della letteratura contemporanea. Fra l'altro, per chi fosse appassionato di storia del'arte c'è la possibilità di visitare il 19 e il 20 novembre le merlate del castello.
La fortezza meneghina sarà il luogo dove si potranno trovare e conoscere una carrellata di autori (che accompagnano le copertine dei migliori best seller): Sveva Casati Modignani, Andrea De Carlo, Claudio Magris, Dacia Maraini e tanti altri scrittori del nostro tempo. Da evidenziare anche il nuovo campo di esplorazione di Bookcity, con le istituzioni, Stefano Boeri, architetto ed ex assessore alla cultura della giunta precedente, ad aprire i tavoli di discussione di architettura, con la catena di eventi "L'architetto legge l'architetto".
Non poteva mancare poi Philippe Daverio, celebre critico d'arte televisivo, con "La cultura europea, attraverso i grandi musei".

LE LOCALITA' CENTRALI
Anche la Triennale di Milano ha deciso di partecipare, come ogni anno, alla manifestazione letteraria. Così come il Museo Nazionale della Scienze e della Tecnologia Leonardo Da Vinci, il MUDEC e BASE Milano e il Teatro Franco Parenti.

LA TRIENNALE
Con il tema "Le mille e una storia" le sale della Triennale sono pronte ad ospitare mostre come "Fotografia e giornalismo: il ruolo dell'immagine nell'informazione oggi" o show man, cantanti e scrittori importanti.
Venerdì alle 19,30 al Salone d'onore della Triennale ci sarà Grignani con "Il grande show: quando cadono le stelle". Sabato in prima mattinata Alessandro Baricco ("Seta di matita"), all'ora di pranzo è la volta del comico ("la favolosa vita di noi ragazzi degli anni '90") e a seguire Gleen Cooper ("In buona fede. La chiesa e i suoi misteri fra realtà e fiction"). Sabato sera sarà Cinzia Sasso a dialogare con l'ex sindaco Pisapia in "Quando fare la moglie vuol dire sentirsi libera", con la partecipazione di Paula de la Fuente, Xavir Zanetti, Giovanna Zucconi e Michele Serra. Domenica, infine, lo storico Valerio Massimo Manfredi ("La battaglia che cambiò il destino di Roma") alle 15.

MUSEO NAZIONALE DELLA SCIENZA E DELLA TECNOLOGIA LEONARDO DA VINCI
Qui venerdì sera andrà in scena in commuovente omaggio a Dario Fo, recentemente scomparso. Saranno Jacopo Fo, Gianni Barcetto, Michele Casiere, Mario Pirovano e Jacopo Zerbo a presentare "In ricordo di Dario Fo. L'universo impossibile: l'origine della specie umana e Darwin secondo Fo".
Sabato sarà di scena, invece, il ben noto critico Vittorio Sgarbi, insieme a Michele Ainis presso l'Audtorium per l'evento pomeridiano "L'Italia è una repubblica fondata sulla bellezza".

MUDEC E CASA BASE
Al Mudec di via Tortona venerdì 18, fra le pop star nazionali ci sarà J-Ax con "Storia di uno sfigato di successo" e sabato alle 14,30 tornerà a farsi viva la voce di Erri De Luca con "Scolpire con le parole".

Alla casa Base, invece, per gli appassionati di carrellate poetiche sabato alle 19 sarà il momento di ascoltare voci autorevoli come quelle dell'associazione culturale Milancosa sul tema "mappedipoesia", fra i cui protagonisti c'è Guido Oldani, il fondatore del Realismo Terminale.
Sempre qui domenica, sarà Filippo Del Corno, attuale Assessore alla Cultura milanese, a discutere della travagliata Siria con Christina Lamb, Paola Ronchi, Chiara Scaglioni e Annarita Briganti, in occasione dell'anniversario della Convenzione ONU sui Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza.
Fra le figure di spicco c'è poi anche Vittorio Feltri, che insieme a Massimiliano Parente e Giulio Giorello discuterà di "ironico galateo per i gentleman del terzo millenio".
TEATRO FRANCO PARENTI Al Parenti per gli appassionati sportivi sarà presente al Cafè Rouge, venerdì 18 alle 18 Paolo Condò, rinomato giornalista sportivo con la collaborazione di Flavio Tranquillo per "narrare lo sport: due grandi esperti a confronto".
Sabato 19, invece, nella sala Grande sarà Corrado Augias, altra penna giornalistica famosa, a presentare "I segreti di Istanbul".
FOCUS TEMATICI E' chiaro che ciascun evento offre numerosissimi motivi per partecipare a questa rassegna letteraria. Quelli presentati sopra sono solo quelli con la gradita presenza di firme e volti conosciuti. Di fatto i temi che Bookcity affronterà saranno davvero complessi, interessanti e coinvolgeranno tutti i campi del nostro sapere. Ciascun tema sarà canalizzato in musei e località affascinanti della cultura milanese. Il viaggio all'Antiquarium Alda Levi; storia e attualità all'Archivio di Stato, alla Casa della Memoria e presso l'Associazione Donna&Madre Onlus; economia, ovviamente alla Borsa Italiana Palazzo Mezzanotte; la poesia nella ormai ben noto Spazio Alda Merini; la Casa Museo Boschi Di Stefano sarà invece il luogo che riscoprire la letteratura romanzesca milanese; Il Circolo Filologico e il Philo si concentranno sul PENSIERO; LA LIBERTA' DELLE IDEE vedrà l'ospitalità della Fondazione Corriere della Sera; un'altra fondazione Riccardo Catella ospiterà convegni sull'architettura; cibo e cucina saranno le protagoniste di Fondazione Stelline, la fotografia è di scena ai Frigoriferi Milanesi, la guerra verrà discussa presso l'Istituto di Politica Internazionale; la musica invaderà la Libreria Colibrì e al MUBA ci saranno gli spettacoli per i bimbi; natura e ambiente saranno le argomentazioni predilette al Museo Civico; l'arte coinvolgerà principalmente il Museo del Novecento; le scienze ovviamente coinvolgeranno il Planetario; la bicicletta sarà argomento inedito del Teatro della Cooperativa e infine lo spettacolo si dividerà fra il Teatro Elfo Puccini, la sede della Rai e il piccolo Teatro Grassi.

NON FINISCE QUI: UNIVERSITA CARCERI E OSPEDALI
Gli istituti di ateneo milanese partecipano anche loro con conferenze e tavoli di discussione. Il tema su cui centreranno le loro attenzioni sarà "DISINTEGRAZIONE? L'UNIVERSITA' RISPONDE". Ovvero di fronte allo sgretolarsi o agli ostacoli del processo integrativo globale, a quali teorie o su quali tradizioni si possono fondare le nostre certezze, per non disintegrarci?
Partecipano i più eminenti professori delle rispettive facoltà, che saranno a loro volta suddivise in discussioni tematiche: editoria e traduzioni (Statale, Cattolica e IULM); città e territorio (Statale e Bicocca); qualità dell'ambiente (Politecnico); la chimica di tutti i giorni (Statale e Bicocca); donne, politica e istituzioni (Bicocca); reputazione, innovazione, identità (Bocconi); lavoro, flessibilità e nuove povertà (Bicocca); vivere il carcere (Statale e Bicocca); ruolo dell'università e internazionalizzazione (Fondazione Collegio delle Università milanesi); letterature straniere (Statale); Islam e Occidente (Statale); la religione (Statale e Cattolica); utopie e mondi possibili (Cattolica); le rivoluzioni dalla Francia alla Russia all'Ungheria (Statale); musica e teatro (Statale); medicina narrativa e rapporto tra parola e cura (Statale e Bicocca).

Come spesso accade, poi, da un po' di anni, Bookcity sta cercando di coinvolgere sempre più settori del sociale, con il progetto "Bookcity per il sociale". Ospedali e carceri milanesi si apprestano ad accogliere una miriade di eventi fra parole, musica e laboratori sociali. Fra cui ricordiamo l'Ospedale San Carlo Borromeo "l'arte di curare : prendersi cura con parole suoni e libri" una serie di eventi aperti al pubblico e ai degenti, con conversazioni, musica e bookcrossing; all'Humanitas, giovedì 17 e sabato 19, dalle ore 15 alle 17, con i lettori volontari del progetto "Tessitori di Voce" in collaborazione con Fondazione Humanitas e Fondazione Zoe', presso i reparti di dialisi e degenza; presso il reparto di cardiologia dell'ospedale Fatebenefratelli, la sera del 17 dalle ore 20, "La compagnia dei lettori", il gruppo di amici impegnato da 4 anni nella lettura ad alta voce in varie strutture, intratterrà i degenti con letture di racconti brevi a più voci. Al Circolo Culturale Paolo Bentivoglio (Unione dei Ciechi e degli Ipovedenti) "la Compagnia dei lettori" presenterà domenica 20 alle ore 15,30 un incontro di prose, poesie e musica. Per i luoghi carcerari due sono le iniziative che proseguono con Bookcity: "Zanza un libro" per l'acquisto di libri da inserire nelle biblioteche di San Vittore e "Giralibro", 7 borse cariche di libri da far girare nelle carceri.

DOMENICA 21: CLARA SANCHEZ
Domenica il saluto conclusivo spetta a Clara Sanchez, in compagnia di Marcello Fois, a cui sarà offerta l'occasione di parlare del libro "Lo stupore di una notte di luce". Sarà il Teatro Franco Parenti a chiudere i battenti di questa edizione Bookcity 2016.

BOOKCITY 2016
Oltre agli eventi sopracitati, ci sono moltissime altre presentazioni e performances di straordinario interesse. Una Milano, che si accende dal mattino alla sera, riscoprendo il piacere della lettura, la sete di coinvolgimento del cittadino-lettore e che espone i suoi luoghi più preziosi conosciuti e sconosciuti ai cittadini milanesi.
E' impossibile annoiarsi in questo fine settimana milanese, almeno finché si nutre passione per l'arte, la cultura, il libro e tutte le sfumature a cui possono portare. Insomma in una parola sola: Bookcity 2016 o #BCM16.

  • Bookcity 2016: apre Elif Shafak, chiude Clara Sanchez, ma in mezzo ci sono eventi per ogni gusto

  • Bookcity 2016: apre Elif Shafak, chiude Clara Sanchez, ma in mezzo ci sono eventi per ogni gusto

Link Consigliati